Arredo. Tutto pronto per la fiera Ambiente 2020 di Francoforte, presente anche CNA



A cura della Redazione


Prenderà il via domani, venerdì 7 febbraio, a Francoforte, Ambiente – The Show, la fiera leder mondiale dedicata ai prodotti per la tavola apparecchiata, la cucina, gli articoli casalinghi, i piaceri della tavola, le idee regalo, l’interior design e l’oggettistica per la casa.

La manifestazione, fulcro del settore mondiale dei beni di consumo, vanta ogni anno un incremento di presenze sempre più considerevole. Nella precedente edizione, i buyer sono stati oltre 136.000 provenienti da ben 166 Paesi – in primis da Germania, Italia, Cina e Francia – per un numero di espositori superiore ai 4.450. L’85% di questi proveniva dall’estero, rendendo così la fiera sempre più internazionale.

La cinque giorni – Ambiente si protrarrà, infatti, dal 7 all’11 febbraio – offre un ricco programma collaterale di eventi, iniziative promozionali per giovani designer, trend show e premiazioni. La Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa (CNA), attraverso la partecipazione collettiva organizzata da ICE Agenzia, è presente anche quest’anno con le proprie imprese, che avranno la possibilità di raggiungere i mercati locali, nazionali, ma soprattutto a livello globale.

La filiera del mobile, ad esempio, rappresenta per il nostro Paese una fetta di mercato rimarchevole: il 2,2% delle esportazioni manifatturiere italiane. Nel 2018, il settore ha giovato della ripresa degli scambi commerciali registrando una crescita del 3,5% rispetto all’anno precedente. Una variazione non trascurabile.

Il valore delle esportazioni di mobili realizzate nel 2018 ha raggiunto quota 9,9 miliardi di euro. Nonostante la forte concorrenza delle produzioni straniere a basso costo, per l’Italia l’arredo rappresenta un settore esportatore netto, in grado di contribuire in maniera significativa al surplus commerciale.



Articolo precedente

Dronitaly Forum. Pubblicata anteprima programma 2020, appuntamento alla Bovisa

Articolo successivo

In arrivo il nuovo numero di Scenari Internazionali dedicato alla regione Asia-Pacifico

nec id mattis leo. Phasellus consequat. libero commodo sem,