Azerbaigian. Si celebra oggi la Giornata dell’Indipendenza a 27 anni dall’adozione della legge costituzionale

Photo credit © Ian Redding



Quest’anno l’Azerbaigian ha ricordato con numerosi eventi in patria e all’estero un anniversario di grande spessore: il 100° anniversario della Repubblica Democratica dell’Azerbaigian. Nata il 28 maggio 1918, la Repubblica Democratica sopravvisse solo 23 mesi ma lasciò un’eredità indelebile sul futuro del paese. Tale eredità è evidente anche nella celebrazione, il 18 ottobre, del 27° anniversario dalla riconquista dell’indipendenza, ottenuta ancora una volta grazie al coraggio e alla perseveranza del suo popolo.



La dichiarazione sullo Stato di indipendenza della Repubblica dell’Azerbaigian è stata adottata nella sessione straordinaria del Consiglio Supremo della Repubblica dell’Azerbaigian, il 30 agosto 1991. Il 18 ottobre del 1991, il Parlamento azerbaigiano ha adottato la legge costituzionale sul ripristino dell’indipendenza e l’atto di indipendenza è stato riaffermato il 29 dicembre 1991 attraverso referendum popolare. Proprio in occasione dell’adozione della legge costituzionale sul ripristino dell’indipendenza, l’Azerbaigian venne dichiarato successore della Repubblica Democratica del 1918-1920.

In accordo con la legge costituzionale, a tutti i cittadini è riconosciuta piena uguaglianza, indipendentemente dalla caratteristiche etniche o religiose. Anche i simboli del moderno Azerbaigian sono stati ereditati dall’esperienza della Repubblica Democratica: nel maggio 1992, il Milli Majlis (Parlamento) ha adottato l’Inno della Repubblica dell’Azerbaigian e, in seguito, la bandiera statale e lo stemma raffigurante una stella ad otto punte con la fiamma al centro.

Oggi l’Azerbaigian moderno ha un ruolo centrale nello scacchiere internazionale. Ponte simbolico tra Est e Ovest, è un partner affidabile nella comunità mondiale e gode di relazioni privilegiate con l’Italia, confermate dalle numerose visite istituzionali svolte anche nell’ultimo anno, tra cui, in primo luogo, la visita del presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel luglio 2018 e la visita del primo vicepresidente dell’Azerbaigian Mehriban Aliyeva, lo scorso settembre.

Solo pochi giorni fa, il 14 ottobre, la Cappella Paolina di Palazzo del Quirinale ha ospitato un concerto di musica classica e tradizionale azerbaigiana in ricordo del 100° anniversario della Repubblica Democratica.


Fonte: Ufficio Stampa – Ambasciata dell’Azerbaigian in Italia



Articolo precedente

Italia-Africa. Al via la Business Week 2018, Roberta Datteri (CNA): Attenzionare mercati piccoli ma stabili

Articolo successivo

Cina. Incontro in Confindustria a Perugia: nella 'Nuova Era' aumentano le opportunità e diminuiscono i rischi

ut consectetur facilisis adipiscing risus. commodo ipsum consequat.