Candriam-IBM, partnership per accelerare l’efficienza nell’asset management attraverso RPA e cloud




BRUXELLES – Candriam, asset manager europeo, nell’ambito del suo programma di trasformazione digitale Candriam#Next, ha avviato una collaborazione con IBM volta ad implementare un programma RPA (Robotics Process Automation), una forza lavoro virtuale che interagisce in modo intelligente con le applicazioni, automatizzando i processi e consentendo ai dipendenti di focalizzarsi su incarichi che richiedono maggior valore aggiunto.

IBM supporterà Candriam nell’automazione del proprio business, a partire da cinque processi-chiave nelle aree di compliance, middle office e gestione di dati, e che dovrebbero divenire operativi entro la fine del primo trimestre del 2019. Entro la seconda metà del 2019, si prevede una seconda ondata di processi RPA in combinazione con IBM Watson (Artificial Intelligence). Questi software robot saranno ospitati su IBM Cloud.

Candriam intende utilizzare i software robot per svolgere elevati volumi di incombenze – di importanza critica per un progetto ma manuali e basate su regole, che richiedono tempo e sono esposte all’errore umano – in modo da renderli più modulari, ridurre i costi complessivi, garantire una qualità costante e velocizzare i tempi di commercializzazione. RPA supporterà gli asset manager di Candriam in Belgio, Lussemburgo e Francia.

Pierre Ernst, COO di Candriam e membro del Comitato strategico del Gruppo commenta: «Siamo entusiasti di avviare questa nuova partnership con IBM e di fare un salto nel futuro. Candriam si impegna al massimo per proseguire il suo cammino caratterizzato da una crescita significativa, offrendo al contempo il miglior servizio possibile ai propri clienti. L’utilizzo di RPA in combinazione con IBM Watson e big data per attività a basso valore aggiunto aumenterà la nostra efficienza e consentirà ai dipendenti di concentrarsi completamente su incarichi di maggior valore. Sono convinto che ciò possa rappresentare un vantaggio per il nostro business e rafforzare la posizione di Candriam come gestore patrimoniale leader a livello europeo».

Molte delle funzioni di supporto di un gestore patrimoniale sono ripetitive: presentare relazioni normative, acquisire informazioni da fonti interne ed esterne e indentificare nuovi eventi di proxy voting sono solo alcuni dei compiti che possono essere svolti da RPA. L’idea che l’impiego di robot sfoci in una perdita di posti di lavoro è spesso una preoccupazione reale, tuttavia Candriam afferma che i dipendenti saranno adeguatamente formati al fine di sviluppare le competenze necessarie per sfruttare la nuova tecnologia. Incrementare il tempo a disposizione del personale per consentirgli di dedicarsi ad incarichi di maggior valore contribuirà – secondo l’azienda – alla creazione di un ambiente di lavoro più efficiente.

IBM ritiene che l’automazione dei processi sia solo un primo e importantissimo passo verso un’azienda veramente cognitiva, in cui processi decisionali autonomi, le nuove intuizioni, la scoperta dei dati – nonché il supporto personale e interattivo – stanno trasformando i robot in assistenti virtuali specifici per il settore.

Paul Rousseau, Partner di IBM Global Business Services e Financial Services Leader in Belgio e Lussemburgo, afferma: «Siamo molto lieti di supportare Candriam, grazie a una partnership a lungo termine, sia nel RPA che nel suo percorso verso la cognitive enterprise. Siamo convinti che il nostro approccio Robot as a Service (RaaS) combinato con l’offerta di IBM Watson e Blue Prism’s Connected-RPA, entrambi in esecuzione su IBM Cloud, contribuiranno al miglioramento dell’ambiente lavorativo per Candriam».




Fonte: Verini & Associati



Articolo precedente

EVFTA. Si avvicina l'accordo commerciale UE-Vietnam: quali opportunità per le imprese italiane?

Articolo successivo

Accordo SACE-ODCEC per accrescere formazione commercialisti su export e internazionalizzazione

nunc et, nec ipsum ut adipiscing ultricies tempus leo. id, justo