Cina-Africa. Comincia a Pechino il 7° vertice FOCAC: Xi Jinping annuncia nuovi progetti su otto grandi temi

Photo credit © Xinhua



di Mu Xuequan
[Xinhua]


PECHINO – Nella giornata di oggi, il presidente Xi Jinping ha affermato che la Cina adotterà otto grandi iniziative con i Paesi africani nei prossimi tre anni ed oltre, coinvolgendo sfere quali la promozione industriale, la connettività infrastrutturale, la facilitazione commerciale e lo sviluppo green. L’annuncio di Xi è arrivato nel discorso tenuto durante la cerimonia di apertura del vertice di Pechino del Forum sulla Cooperazione Cina-Africa (FOCAC).

Per quanto riguarda la promozione industriale, il presidente cinese ha rivelato che sarà programmata un’esposizione economica e commerciale sino-africana in Cina e che le aziende cinesi saranno stimolate ad aumentare i loro investimenti in Africa. La Cina lancerà 50 programmi di assistenza agricola, fornirà aiuti alimentari umanitari per 1 miliardo di yuan (circa 147 milioni di dollari) ai Paesi africani colpiti da calamità naturali ed invierà 500 massimi esperti agricoli in Africa.

In merito alla connettività infrastrutturale, Xi ha sostenuto che la Cina lavorerà a fianco dell’Unione Africana per strutturare un piano sino-africano di cooperazione infrastrutturale e supporterà le aziende cinesi che vorranno prendere parte allo sviluppo infrastrutturale dell’Africa per mezzo del sistema investment-construction-operation o attraverso altri modelli.

In tema di facilitazione commerciale, Xi ha poi affermato che la Cina aumenterà le importazioni dall’Africa, soprattutto di prodotti non-resource, e sosterrà i Paesi africani affinché prendano parte al China International Import Expo. I Paesi meno avanzati del Continente saranno esentati dal pagamento dei costi fissi dell’esposizione, secondo quanto aggiunto da Xi.

Relativamente allo sviluppo green, Xi ha detto che la Cina avvierà 50 progetti di assistenza a questo riguardo e in materia di tutela ecologica ed ambientale, con un attenzione particolare ai cambiamenti climatici, agli oceani, al controllo e alla prevenzione della desertificazione, e alla protezione della fauna selvatica.

Per quel che riguarda lo sviluppo delle capacità, il presidente cinese ha comunicato che la Cina aprirà 10 Luban Workshop [programma cinese di seminari culturali e formativi, ndt] per offrire formazione professionale ai giovani africani. La Cina formerà inoltre 1.000 cittadini africani altamente qualificati, garantirà all’Africa 50.000 borse di studio pubbliche, promuoverà opportunità seminariali e formative per 50.000 ragazzi africani ed inviterà altri 2.000 giovani africani a visitare la Cina nel quadro di programmi di scambio.

In tema di sanità, Xi ha sostenuto che la Cina aggiornerà 50 programmi di assistenza medica e sanitaria per l’Africa, con un’attenzione particolare a progetti salienti come quelli relativi ai quartier generali del Centro Africano per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie e agli Ospedali di Amicizia Cina-Africa.

Sugli scambi interculturali, Xi ha asserito che la Cina istituirà un istituto di studi africanistici e rafforzerà gli scambi con l’Africa in tema di forme di civiltà. La Cina accoglie con soddisfazione la partecipazione dell’Africa all’Unione Internazionale dei Teatri della Via della Seta, all’Associazione Internazionale dei Musei della Via della Seta e alla Rete dei Festival Artistici della Via della Seta.

Parlando di pace e sicurezza, Xi ha argomentato che la Cina darà vita ad un fondo sino-africano per la pace e la sicurezza, oltre a continuare a fornire assistenza militare gratuita all’Unione Africana. Sarà attuato un totale di 50 programmi di assistenza in tema di sicurezza in ambiti quali le missioni di peacekeeping dell’ONU, la lotta alla pirateria e al terrorismo.


Traduzione a cura della Redazione
Fonte in lingua originale qui



© Riproduzione riservata



Articolo precedente

Polonia. Al via il progetto da €225 mln per il tunnel Usedom-Wolin che migliorerà i collegamenti in Pomerania

Articolo successivo

Asia. Dall'idea giapponese di 'chowa' allo sviluppo della manifattura 4.0 nel Sud-est asiatico

massa dolor. tristique consectetur risus. fringilla eget Donec