Cina. Procede semplificazione fiscale: modulo unico per proprietari di più immobili

image_pdf


Con la decisione di ricondurre dieci tipologie di imposte sulle proprietà multiple ad un unico modello dichiarativo, va avanti il più vasto piano di riduzione e semplificazione fiscale intrapreso dalla Cina nel quadro della riforma strutturale dell’offerta. Tra il 2015 e il 2020, infatti, il governo ha tagliato tasse per 5.648,6 miliardi di yuan, pari a circa 734 miliardi di euro, a beneficio in particolare delle micro, piccole e medie imprese e delle attività individuali. Il picco, tuttavia, è stato toccato lo scorso anno, con tagli superiori ai 2.500 miliardi di yuan (€ 325 mld), per consentire una rapida ripresa alle attività colpite dalla pandemia. A queste misure si sono aggiunti nuovi provvedimenti di sburocratizzazione che cercano di rendere più competitivo il sistema Paese.


A cura della Redazione


Come riporta Xinhua, le autorità fiscali cinesi hanno annunciato nella giornata di ieri, lunedì 31 maggio, l’introduzione di una politica mirata a semplificare la dichiarazione delle multiple proprietà immobiliari e delle imposte relative, allo scopo di migliorare il clima per gli investimenti.

A partire da oggi, dunque, al momento della dichiarazione i contribuenti non sono più obbligati ad utilizzare moduli separati per le diverse tipologie di imposte ma l’Amministrazione Fiscale Statale consente loro di dichiarare più versamenti in un solo modulo.

Le dieci tipologie in oggetto includono l’imposta sull’utilizzo dei terreni urbani e municipali, l’imposta immobiliare, l’imposta su veicoli e natanti, l’imposta di bollo, l’imposta sull’occupazione di terreni agricoli, l’imposta sulle risorse, l’imposta sull’apprezzamento dei terreni, l’imposta sull’atto, l’imposta sulla protezione ambientale e l’imposta sul tabacco.

Secondo quanto spiegato da Han Guorong, funzionario dell’Amministrazione, citato da Xinhua, ci si attende che la riforma «migliori l’efficienza del fisco». Le autorità fiscali continueranno ad introdurre nuove riforme sui servizi di versamento delle imposte per «facilitare uno sviluppo economico e sociale di alta qualità».