E-commerce. Kazpost procede nello sviluppo degli e-service

di Zhazira Dyussembekova
[The Astana Times]

ASTANA – L’ultima settimana di gennaio è stata ricca di eventi per Kazpost, il servizio postale del Kazakhstan. Il 24 gennaio scorso, l’azienda ha lanciato il primo centro e-commerce del Paese. Il giorno seguente, il presidente Bagdat Mussin è stato trasferito presso l’Ufficio del Procuratore Generale, ma prima di lasciare l’incarico ha presentato 15 progetti per il 2017, finalizzati a proseguire nello sviluppo innovativo di Kazpost.
Durante gli ultimi anni, Kazpost ha intrapreso rapide trasformazioni che ne hanno ridefinito la posizione di mercato. Il lancio del centro e-commerce ad Astana è stato uno dei tanti risultati conseguiti dalla sua nuova e lungimirante identità. È in programma l’apertura di simili strutture in tutte le città principali del Paese.
«Il mercato e-commerce sta crescendo anno dopo anno ed il volume delle spedizioni ordinate online aumenta di circa il 20% all’anno. Questo fenomeno ha un’incidenza positiva sul livello di convenienza e sulla rapidità del servizio. In precedenza, i nostri clienti aziendali dovevano correre da un piano all’altro in cerca di documenti e personale. Ora c’è un ufficio separato, dove potranno ricevere servizi di alta qualità in tempi brevi e disporranno della gamma fondamentale di servizi in un solo centro», ha sottolineato Mussin durante l’evento.
A vantaggio dei clienti è prevista un’area speciale per le consulenze aziendali, una sala riunioni ed un’area per la ricezione, l’imballaggio e lo smistamento degli ordini. Il nuovo centro semplificherà il complicato processo di registrazione delle spedizioni ordinate online.
«Gli imprenditori cercano di utilizzare tutti gli strumenti possibili per trasferire il loro business in rete. Dopo aver analizzato la situazione, Kazpost ha compreso la necessità di aprire un centro separato per servire le imprese nel campo dell’e-commerce, per fornire un servizio di qualità ai negozi online già esistenti e gli strumenti adatti a creare un commercio online di successo per i nostri imprenditori offline», ha osservato Kazpost in un comunicato che il suo ufficio stampa ha girato al quotidiano The Astana Times.
Il centro e-commerce non riguarda solamente il deposito, il riordino e la spedizione dei prodotti. Kazpost offre anche servizi pubblicitari in grado di inviare e-mail ad un pubblico selezionato. Gli imprenditori possono scegliere da soli il proprio pubblico di riferimento.
«Attualmente, l’azienda sta lavorando sui prodotti per aggiungere una funzione di pagamento e spedizione ad un sito già attivo o per creare un nuovo negozio online con il nome e la progettazione del cliente», riporta il comunicato stampa.
Postmarket.kz, un altro progetto di Kazpost, è uno store online pensato per ridurre la distanza tra le aree urbane e quelle rurali. Rappresenta una risposta ai bisogni delle zone di campagna, dal momento che lì non c’è accesso ai prodotti dei grandi marchi.
«Funziona esattamente come le altre piattaforme online. I clienti possono pagare per i prodotti online o fisicamente in contanti presso l’ufficio di Kazpost. Gli articoli vengono spediti in tutto il Kazakhstan e all’estero», come ha spiegato Kazpost.
Postmarket.kz è una soluzione anche per quegli imprenditori che vogliano portare in rete i propri prodotti, senza spendere tempo e denaro nello sviluppo di un sito, nei pagamenti online e nei servizi di spedizione.
Per quanto riguarda gli altri progetti, «i supermercati dei pacchi» saranno inaugurati in tutto il Paese per inviare e ricevere facilmente le spedizioni, così come speciali aree di scarico self-service per l’invio di grandi quantitativi di lettere. L’azienda sta inoltre creando un network di terminali di pagamento fai-da-te, dove i clienti potranno pagare il proprio conto.


Traduzione a cura della Redazione
Fonte in lingua originale qui


© Riproduzione riservata



Articolo precedente

Singapore. A dicembre i prestiti bancari spingono il settore delle costruzioni

Articolo successivo

Messico. Solidarietà dall'Argentina nella disputa con gli USA

leo. sem, ultricies vel, dapibus efficitur.