Credenziali

Il numero autunnale del 2014, quando la rivista fece il suo debutto, si è concentrato sulla Cina e ha superato le più rosee aspettative. È stato distribuito durante il 10° Summit Generale dell’ASEM (Asia-Europe Meeting) a Milano del 16-17 ottobre 2014, ed il 3° Forum Eurasiatico di Verona del 23-24 ottobre 2014. Sulla nuova Via della Seta – questo il titolo – si è presentato ai lettori con tre interviste di rilievo: a Bian Jidong, presidente di Bank of China Milano, a S.E. Li Ruiyu, Ambasciatore della Repubblica Popolare Cinese in Italia, e a Cesare Romiti, ex presidente della FIAT e presidente della Fondazione Italia-Cina. La monografia ha riscosso un gran successo e ha attirato l’interesse di molti rappresentanti istituzionali, fino ad essere acquisita dalla delegazione governativa cinese, guidata dal primo ministro Li Keqiang, in visita ufficiale in Italia proprio in quei giorni.

Il secondo numero (gen-mar 2015) – Dove la Luna viene a giocare – è stato pubblicato nell’aprile 2015, focalizzandosi sul Brasile. È stato realizzato in collaborazione con l’Ambasciata brasiliana di Roma e ha incluso articoli di vari manager, accademici e funzionari ministeriali brasiliani, quali Vera Cíntia Álvarez (Interscambio e Coordinamento Sportivo presso il Ministero degli Esteri), Vinicius Estrela (Apex-Brasil), Antonio Jorge Ramalho da Rocha (Istituto Pandiá Calógeras) e Paulo Gastão Silva (Embraer SA), oltre all’On. Fabio Porta e al presidente di ICE-Agenzia Riccardo Maria Monti, che hanno voluto partecipare alla pubblicazione con due articoli, rispettivamente dedicati all’emigrazione italiana in Brasile e al ruolo delle aziende italiane nel mercato brasiliano.

Dopo la pausa estiva, la redazione ha presentato il suo terzo numero (ago-ott 2015) sotto forma di speciale, pubblicando una retrospettiva di 68 pagine interamente dedicata ad Expo Milano 2015, intitolata appunto I sei mesi d’oro di Milano e realizzata sulla base dei nostri reportage nel capoluogo lombardo e delle nostre interviste con i comitati organizzatori di diversi padiglioni, tra cui una a Barran Fang, direttore generale del padiglione del colosso immobiliare cinese Vanke. Per l’occasione abbiamo realizzato una vera e propria top-ten di quelli che, secondo le nostre valutazioni, sono stati i dieci padiglioni più belli dell’evento: Angola, Bielorussia, Brasile, Cina, Ecuador, Ungheria, Kazakhstan, Corea del Sud, Turkmenistan e la stessa Vanke.

Nel corso del 2015, Scenari Internazionali è stata accreditata non solo all’Expo di Milano, avendo ricevuto inviti ufficiali e non da diversi padiglioni stranieri, ma anche al 4° Forum Eurasiatico di Verona del 22-23 ottobre. I riconoscimenti individuali conseguiti da alcuni dei nostri redattori e collaboratori durante l’anno, come premi e apprezzamenti in Italia, Cina, Brasile, Argentina, Kazakhstan, Angola e così via, hanno evidenziato l’apertura a 360 gradi della nostra visione professionale.

Il numero successivo – Dall’altra parte del mondo – è stato invece pubblicato alla fine di febbraio 2016, concentrandosi sul Sud-est asiatico. Nell’occasione abbiamo realizzato singoli approfondimenti sui principali Paesi della regione con articoli su Malesia, Singapore, Laos, Cambogia, Thailandia, Indonesia e così via, tra cui anche due articoli provenienti dall’Ambasciata vietnamita di Roma ed un altro realizzato in concerto tra il Consolato Generale del Myanmar a Torino e la Camera di Commercio Italia-Myanmar, guidata dall’On. Piero Fassino. Abbiamo, inoltre, ospitato due interviste: una all’Ambasciatore indonesiano S.E. August Parengkuan e l’altra a Romeo Orlandi, vicepresidente della Fondazione Italia-ASEAN, presieduta dall’ex presidente del Consiglio Enrico Letta.

Nel giugno 2016, abbiamo pubblicato la quinta monografia di Scenari Internazionali – Una nuova Cina a misura di secolo – come approfondimento del nuovo percorso di riforma intrapreso dal Paese asiatico, anche alla luce del 13° piano quinquennale cinese, interamente tradotto in italiano all’interno della prima metà del numero. Oltre ai nostri approfondimenti sulla situazione economica e finanziaria cinese, la seconda parte ha incluso il contributo esterno del vicepresidente dell’Accademia di Scienze Sociali della Repubblica Popolare Cinese, Cai Fang, e due interviste: una all’Ambasciatore cinese, S.E. Li Ruiyu, e l’altra all’ex presidente del Consiglio Romano Prodi.

All’inizio di ottobre 2016, è andato in stampa il sesto numero di Scenari Internazionali, intitolato L’occhio del Corno d’Africa e dedicato allo sviluppo socio-economico dell’Eritrea e ai temi salienti della regione del Corno d’Africa. Il lavoro prende spunto dal piano di investimenti da 200 milioni di euro che l’Unione Europea ha recentemente approvato in loco, per cercare di conoscere meglio il Paese africano, stante la sua delicata e complessa situazione. Tra i vari approfondimenti, abbiamo ospitato un lungo contributo di Abraham Kidane, consigliere economico presso il Ministero per lo Sviluppo dello Stato dell’Eritrea, ed un’intervista all’Ambasciatore eritreo in Italia S.E. Fessahazion Pietros.

Nel gennaio 2017 ha visto la luce La Penisola del Tesoro, settima pubblicazione cartacea di Scenari Internazionali, interamente dedicata all’Italia e alla sua proiezione sui mercati esteri. Attraverso un’analisi della collocazione raggiunta fin qui dal nostro Paese nelle diverse regioni del mondo, il numero mette in evidenza le eccellenze e i punti deboli, le potenzialità e i limiti, le intuizioni e i ritardi del sistema Italia fuori dai confini UE, non senza dedicare una riflessione, di natura più strettamente politica, alla situazione interna e alla necessità di riformare il Paese per renderlo più competitivo, sicuro ed autorevole in Europa. Tra gli immancabili contributi esterni, il numero ha ospitato un articolo di Fabio Lunati (Nomisma) sullo stato dell’export agroalimentare in Russia e le interviste a Beniamino Quintieri, presidente di SACE, e ad Antonio Franceschini, responsabile internazionalizzazione di CNA.

All’inizio di maggio 2017 è uscito Tra mano invisibile e mano visibile, ottavo numero di Scenari Internazionali. Si è trattato di un numero tematico, focalizzato su pregi e difetti, successi e insuccessi delle diverse forme di economia sociale di mercato presenti nel mondo, a partire dal modello storico della Germania, inseguito anche dall’Unione Europea, per poi passare ad altri casi di studio in Asia, Africa e America Latina: Cina, Indonesia, Singapore, Vietnam, Angola, Mozambico, Brasile, Ecuador, Venezuela e Cuba. Ad impreziosire la pubblicazione, i contributi esterni dell’Ufficio Economico-Commerciale dell’Ambasciata della Repubblica Socialista del Vietnam in Italia e di Januário Talane, presidente della Federazione delle Associazioni Angolane in Italia.