Dubai. CNA partner di ICE-Agenzia alla collettiva ‘Italian Interiors – The Art of Italian Design’



A cura della Redazione


Si è chiusa venerdì scorso, 12 novembre, la missione di CNA nel Golfo Persico che ha portato, a partire dal 7 novembre, le imprese del Progetto Breakfast Made in Italy sia a Dubai che a Doha, in Qatar. Dall’8 novembre, presso il Design District di Dubai, si sono poi aperte le porte di Downtown Design, che ha visto una rilevante partecipazione di aziende italiane.

«Le oltre 50 imprese italiane partecipanti alla fiera, 32 delle quali nell’ambito della collettiva di ICE-Agenzia, che vede anche CNA partner, hanno contribuito a qualificare ulteriormente il salone che già si posiziona ad un alto livello», ha dichiarato Roberta Datteri, vicepresidente nazionale di CNA con delega all’internazionalizzazione presente a Dubai, che ha aggiunto: «Abbiamo registrato un interessante e qualificato afflusso di visitatori dall’area MENASA e anche grazie al lavoro che ICE Agenzia ha svolto, per promuovere la partecipazione delle imprese italiane verso operatori dei Paesi dell’area, alle nostre imprese è stato messo a disposizione un ulteriore supporto che si è potuto constatare in maniera tangibile».

«Indubbiamente il target di riferimento è alto e vede una composizione articolata di visitatori passando da buyer ad architetti, ma anche progettisti e interior designer», ha sottolineato Antonio Franceschini, responsabile Ufficio Promozione e Mercato Internazionale di CNA.

L’edizione 2021 della fiera si è svolta al centro della Dubai Design Week, a poche settimane dal lancio dell’Expo, beneficiando della presenza di nuovi visitatori internazionali in cerca di opportunità commerciali. Ulteriore conferma sulla qualità dei visitatori viene da Luca Peppoloni, presidente nazionale di CNA – Lavorazione artistica dei metalli, anch’egli presente a Dubai, che evidenzia – fanno sapere da CNA – un alto livello di cultura del prodotto da parte degli operatori commerciali e come questi cerchino dalle imprese italiane un valore aggiunto in termini di creatività e qualità.

«CNA è particolarmente presente nella regione – ha spiegato ancora Antonio Franceschinioltre a queste manifestazioni abbiamo anche supportato, sempre grazie al contributo di ICE Agenzia, la partecipazione di imprese italiane al Middle East Watch & Jewellery Show di Sharjah e stiamo lavorando ad un intenso programma di attività anche per il 2022».



Articolo precedente

Mercato del lusso rimbalza nel 2021, ritorno su traiettoria di crescita storica

Articolo successivo

Filippine. Banca centrale sottolinea sforzi anti-Covid, crescita al 4,9% nei primi nove mesi