Emirati Arabi. L’Italia resta il terzo maggior partner commerciale in Europa

di Farhana Chowdhury
[Khaleej Times]

L’Italia resta il terzo maggior partner commerciale degli Emirati Arabi Uniti in Europa con interessi comuni per quanto riguarda la cooperazione politica e quella economica, nonostante il calo registrato lo scorso anno dall’export italiano verso il Paese mediorientale dovuto alle condizioni sfavorevoli del prezzo del petrolio, stando a quanto dichiarato ai microfoni di Khaleej Times da Valentina Setta, Console Generale Italiana negli Emirati.
«Le relazioni bilaterali tra l’Italia e gli Emirati Arabi sono ottime, come confermato dalla recente visita del nostro ministro degli Esteri Angelino Alfano, ricevuto da Sua Altezza Sheikh Mohamed bin Zayed Al Nahyan, principe ereditario di Abu Dhabi e vicecomandante supremo delle Forze Armate Emiratine, e da Sheikh Abdullah bin Zayed Al Nahyan, ministro degli Esteri e della Cooperazione Internazionale», ha affermato la Console.
La visita ha avuto luogo a margine del primo vertice per il dialogo strategico EAU-Italia, finalizzato a rafforzare la cooperazione in diversi settori. Valentina Setta ha aggiunto che l’Italia vede opportunità di sviluppo nel mercato emiratino ed auspica che il prossimo Expo2020 imprimerà un’accelerazione in settori significativi.
«L’Italia è stato il primo tra i Paesi del G7 a confermare ufficialmente la partecipazione all’Expo 2020 di Dubai. Le aziende italiane stanno mostrando crescente interesse a partecipare a questa nuova avventura», ha inoltre sottolineato la Setta.
Con la supervisione dell’Ambasciata Italiana ad Abu Dhabi, il Consolato Generale lavora strettamente con l’ufficio ICE di Dubai per sostenere le aziende italiane.
In una precedente intervista, Gianpaolo Bruno, Commissario al Commercio per gli Emirati Arabi, l’Oman e il Pakistan presso ICE, ha dichiarato che 187 imprese italiane hanno recentemente partecipato all’edizione di Gulfood di quest’anno. L’Italian Food Lab, noto come la più grande delegazione presente, ha promosso in loco una serie di ambiti tra cui l’industria alimentare e delle bevande, il commercio, la distribuzione ed il confezionamento.
Valentina Setta ha annunciato che è in fase di preparazione un’iniziativa speciale per promuovere il design contemporaneo italiano nel mondo. Lanciato dal Ministero degli Esteri italiano, il programma prevede eventi in oltre 100 città, tra cui anche Dubai, con la partecipazione di noti architetti, uomini d’affari, critici, accademici e designer del nostro Paese, chiamati ad illustrare la storia e le nuove tendenze che il settore italiano del design può offrire.
«L’evento è previsto per il 13 marzo, in occasione del Design Days Dubai, con la partecipazione di due architetti italiani», ha aggiunto la Console.


Traduzione a cura della Redazione
Fonte in lingua originale qui



© Riproduzione riservata



Articolo precedente

Corsi NIBI. Come usare i fondi europei per l'internazionalizzazione

Articolo successivo

Francia. Le Pen, Fillon e Macron: operazione seduzione davanti ai piccoli imprenditori

venenatis commodo odio amet, eleifend et, Praesent Nullam at Donec