Finlandia. Il governo adotta una risoluzione per favorire lo sviluppo della logistica nel trasporto delle merci

di Daily Finland

Il Ministero dei Trasporti e delle Comunicazioni, insieme alle parti coinvolte, sta lavorando alla stesura di una risoluzione governativa sullo sviluppo della logistica delle merci. Il Ministero ha inviato una proposta di piano per le relative valutazioni, che dovranno essere presentate entro il 28 febbraio 2018, stando a quanto recita un comunicato stampa ufficiale.

«Così come gli altri ambiti della società, anche la logistica subirà una trasformazione nel prossimo futuro. Al momento, la digitalizzazione resta un vantaggio competitivo per le aziende del settore, ma molto presto sarà una questione di quali imprese cresceranno, sviluppandosi, e quali invece scompariranno. La proposta del piano è di rafforzare la digitalizzazione della logistica, dei trasporti e dei porti», ha affermato il ministro dei Trasporti e delle Comunicazioni Anne Berner.

Entro il 2025, i modelli di impresa sviluppati in Finlandia saranno utilizzati anche a livello internazionale. La digitalizzazione della logistica ha ridotto i rischi ambientali, tagliato i costi di trasporto ed aumentato la produttività. Per venire incontro a queste prospettive, il piano di sviluppo fissa quattro obiettivi pratici.

Prima di tutto è necessaria la creazione di una rete di sistemi decentrati e compatibili per la divulgazione di informazioni logistiche. Le informazioni devono essere trasmesse in formato compatibile, digitale e computerizzato in tempo reale ed in modo automatico, all’interno e tra le catene di trasporto. Dal momento che i sistemi comunicano l’uno con l’altro, sarà sufficiente salvare le informazioni logistiche in un solo sistema.

In secondo luogo, l’operatività della logistica locale deve essere migliorata. Le società dove i prodotti e i servizi sono disponibili h24 hanno bisogno di un’adeguata logistica della distribuzione. Questo genera inoltre, più estesamente, un effetto sulle catene del trasporto. L’e-commerce ha già trasferito il fulcro delle strutture di distribuzione dai negozi ai consumatori e alla distribuzione locale.

In terzo luogo, le risorse vanno allocate in modo da sviluppare un’automazione intelligente nella logistica. L’automazione ha un impatto sulla logistica in diversi aspetti, come ad esempio il suo incremento nelle varie fasi delle catene di trasporto. Nei porti, i container sono già movimentati da gru automatizzate. Il lavoro manuale non è più necessario per movimentare i pacchi. Questa tendenza va incentivata anche per quanto riguarda l’automazione del trasporto merci pesante testando, ad esempio, il sistema del truck platooning [convogliaggio dei tir, ndt].

Il quarto obiettivo strategico è quello di promuovere la digitalizzazione dei porti. Lo sviluppo dell’automazione è ormai in rapida crescita in tutto il pianeta. La Finlandia possiede aziende che sono già leader mondiali nello sviluppo e nella fornitura per l’automazione dei porti. Queste competenze, così come le capacità di test delle navi a controllo remoto, potrebbero essere utilizzate a livello mondiale per l’avanzamento della digitalizzazione portuale.

Per raggiungere questi obiettivi, sono state avanzate all’incirca trenta proposte, tra cui le note di spedizione elettroniche, la geolocalizzazione del trasporto lavorativo, la condivisione delle informazioni logistiche, la standardizzazione delle informazioni, esperimenti e progetti-pilota relativi all’automazione delle catene di trasporto. Il conseguimento di questi obiettivi e l’attuazione delle misure proposte richiedono la rimozione degli ostacoli burocratici, progetti di cooperazione, atteggiamenti influenti e supporto all’interno dell’Unione Europea e delle organizzazioni internazionali. Dopo la fase di valutazione, il gruppo di lavoro sulla logistica continuerà a preparare la risoluzione nel quadro di un seminario aperto nei primi giorni di marzo.


Traduzione a cura della Redazione
Fonte in lingua originale qui



© Riproduzione riservata



Articolo precedente

Mosca. Ministro Alfano a Lavrov: La Russia è sempre stata partner commerciale e fornitore energetico affidabile

Articolo successivo

Canada. Il deficit commerciale sale a $3,2 mld a dicembre, smentite le previsioni di un calo sul dato di novembre

dapibus elit. libero. vulputate, ipsum eget sem,