Germania. Conferenza di Amburgo: Economia marittima e digitalizzazione sempre più vicine

di Redazione

Si è svolta ieri ad Amburgo la 10a Conferenza Nazionale Marittima, col patrocinio del governo federale. Il processo di digitalizzazione è stato il tema principale dell’edizione di quest’anno, che coincide con la presidenza tedesca del G20, davanti ad una platea di circa 750 ospiti provenienti dai mondi dell’impresa, dei sindacati, della scienza, della ricerca, della politica e della pubblica amministrazione.

«L’economia marittima costituisce un settore-chiave per un Paese votato all’export come il nostro», ha osservato il ministro dell’Economia e dell’Energia Brigitte Zypries. Si tratta di un settore che garantisce «400.000 posti di lavoro ed un fatturato annuo di 50 miliardi di euro». «La digitalizzazione – ha aggiunto il ministro – è il futuro anche per l’economia marittima», come per altro indicato dall’Agenda Marittima 2025, adottata dal Gabinetto Federale lo scorso gennaio, che la include tra i nove pilastri dello sviluppo del settore.

Secondo Uwe Beckmeyer, coordinatore governativo per gli Affari Marittimi, le aziende del settore sono sempre state strettamente legate all’industria logistica. «Intendiamo sostenere l’industria marittima nello sviluppo di intere catene del valore aggiunto e permetterle così di riscuotere un successo mondiale», ha affermato Beckmeyer, che ha inoltre annunciato importanti iniziative a questo proposito. Fra queste, anche una dichiarazione congiunta sul tema, che ha messo insieme governo, länder, associazioni di categoria e sindacati.

La Dichiarazione Congiunta sulla Digitalizzazione nell’Economia Marittima mette in evidenza le aree strategiche di azione e le misure da intraprendere per adattare l’industria alla rivoluzione digitale. Stando a quanto riportato dal Ministero per l’Economia e l’Energia, queste novità includono, fra le altre cose, l’estensione delle infrastrutture digitali, il trasferimento dei dati intelligenti nella filiera marittima, la promozione mirata della digitalizzazione nel quadro dei programmi di ricerca e sviluppo marittimi e l’introduzione degli standard industriali internazionali.




© Riproduzione riservata



Articolo precedente

EAU. CNA e ICE al MidEast Watch and Jewellery Show di Sharjah per promuovere il Made in Italy di settore

Articolo successivo

Vinitaly2017. SACE e SIMEST pronti a intercettare oltre 200 milioni di nuovo export in tre anni

eget luctus sit leo. ut mattis pulvinar ipsum consequat.