Giappone. PM Suga si confronta con Davos: nuove regole, digitalizzazione e sostenibilità nell’agenda di Tokyo

Photo credit © World Economic Forum



A cura della Redazione


Mercoledì scorso, il Forum Economico Mondiale ha ospitato un confronto specifico con il nuovo primo ministro giapponese Yoshihide Suga, subentrato il mese scorso a Shinzo Abe, costretto alle dimissioni per motivi di salute. La sessione, svoltasi in videoconferenza, ha messo di fronte a Suga il Prof. Klaus Schwab, fondatore e presidente esecutivo dell’organizzazione con sede nella cittadina svizzera di Davos, e 130 leader imprenditoriali di tutto il mondo che aderiscono alla comunità del Forum.

L’incontro a distanza, dal titolo Special Dialogue with Prime Minister SUGA Yoshihide of Japan, ha permesso ai partecipanti di ascoltare il leader nipponico in merito alla strategia adottata da Tokyo per affrontare questa difficile fase pandemica e permettere alla terza economia mondiale di ripartire. «Il Giappone è stato un Paese leader nella risposta alla pandemia di Covid-19», ha osservato Klaus Schwab, che ha aggiunto: «Abbiamo ascoltato direttamente dal primo ministro Suga le idee del governo in materia di cooperazione globale e le priorità del Giappone».

Durante la sessione virtuale, Suga ha spiegato le linee-guida politiche del suo governo, tra cui la riforma normativa e la promozione della digitalizzazione, presentando quelle che sono le strategie nazionali per la ripresa post-Covid. Nel suo discorso iniziale, il primo ministro ha fatto riferimento alle tesi del Prof. Schwab, dicendosi concorde sul fatto che di fronte alle crisi c’è bisogno di trasformare i sistemi economici e sociali, e che oggi c’è un’opportunità per poterlo fare.

Suga ha inoltre sottolineato il contributo del Giappone alla comunità internazionale, soprattutto negli ambiti della sanità globale, della regolamentazione per un’economia globale libera ed equa nonché dell’avanzamento degli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) sanciti dall’Agenda 2030 dell’ONU. A questo riguardo, Scenari Internazionali aveva già contattato in estate l’Ambasciatore Hiroshi Oe per un’intervista esclusiva nel quadro del nostro speciale sull’emergenza Covid-19.



Articolo precedente

Borio Mangiarotti. Regina De Albertis: Costruzioni con impatto sui quartieri, SeiMilano modello virtuoso

adipiscing justo commodo Nullam venenatis odio dolor. Donec libero