Gruppo CDP, aperta nuova sede territoriale a Bologna

Photo credit © www.cdp.it



Dopo l’apertura di nuove sedi territoriali a Torino e Venezia, giovedì scorso il Gruppo CDP ne ha inaugurata un’altra a Bologna. La presenza nella città felsinea consentirà un supporto diretto non soltanto alle imprese dell’Emilia-Romagna ma anche a quelle delle Marche su temi quali le modalità di accesso al credito, i prodotti finanziari, la gestione on-line dei finanziamenti e le nuove iniziative per il territorio.
BOLOGNA – È stata inaugurata ieri la nuova sede territoriale del Gruppo CDP a Bologna. L’ufficio, che ospiterà le società CDP, SACE e SIMEST, ha aperto le porte ai rappresentanti del mondo istituzionale e imprenditoriale delle regioni Emilia–Romagna e Marche.
Presenti all’appuntamento il Chief Business Officer di Cassa depositi e prestiti Antonella Baldino, l’Amministratore delegato di SACE Alessandro Decio, e Maurizio Marchesini, Presidente di Confindustria Emilia-Romagna e Vice Presidente di SIMEST.
L’ufficio territoriale di Bologna, operativo in via Marco Emilio Lepido 182/2, agirà da punto di contatto fra gli stakeholder di Emilia-Romagna e Marche e gli esperti delle società del Gruppo CDP, a disposizione per approfondimenti su temi quali le modalità di accesso al credito, i prodotti finanziari, la gestione on-line dei finanziamenti e le nuove iniziative per il territorio.
L’iniziativa – che si inserisce nell’ambito dell’obiettivo strategico previsto dal Piano Industriale 2016/2020 di avvicinare CDP alle realtà locali – si aggiunge alle recenti aperture delle sedi di Torino e Venezia, uffici che si affiancano alle sedi centrali di Roma e Milano.
«La scelta strategica di essere vicini al territorio, realizzando di fatto un punto di incontro unico per i nostri stakeholder, ha l’obiettivo di rafforzare il ruolo di promozione svolto dal Gruppo CDP: ciò – ha dichiarato Antonella Baldino, CBO di Cassa depositi e prestiti – è particolarmente rilevante in queste regioni, tra le più dotate quanto a imprenditori aperti ai mercati internazionali e Pubblica Amministrazione proattiva nei servizi al cittadino e alle imprese».
«Crescere attraverso l’internazionalizzazione è una sfida che l’Emilia-Romagna da tempo sta affrontando con successo, contribuendo da sola al 13% dell’export nazionale – ha dichiarato Alessandro Decio, CEO di SACE, che oggi con l’integrazione di SIMEST rappresenta il Polo di sviluppo dell’export e dell’internazionalizzazione del Gruppo CDP – Solo nell’ultimo anno nel contesto del Polo tra SACE e SIMEST abbiamo realizzato operazioni per 3 miliardi di euro a supporto dei piani di export e internazionalizzazione di circa 3.000 aziende di questa Regione. Un impegno che sono certo possa crescere ulteriormente, grazie al nuovo presidio di Bologna e alle sempre maggiori sinergie all’interno del nostro Gruppo».
«La scelta di Cassa Depositi e Prestiti di aprire una sede in Emilia-Romagna – ha dichiarato Maurizio Marchesini, Presidente di Confindustria Emilia-Romagna e Vice Presidente SIMEST – è la testimonianza della rilevanza del nostro territorio, punta avanzata dell’economia del Paese quanto ad innovazione, internazionalizzazione ed investimenti, ed è un segnale dell’unità di intenti tra soggetti pubblici e privati, Istituzioni e organizzazioni di rappresentanza. La presenza di CDP, SACE e SIMEST rappresenta una grande opportunità per il nostro sistema produttivo, grazie alla possibilità di attivare tutti gli strumenti a disposizione: in particolare il Fondo Rotativo imprese, i progetti di investimento infrastrutturale, il Fondo Juncker, i programmi di internazionalizzazione delle imprese e così via».


Fonte: Ufficio Stampa Gruppo CDP



Articolo precedente

PIL: +0,4% nell'Eurozona, +0,5% nell'UE28 nel Q4 2016. Ma è l'Est a guidare la crescita

Articolo successivo

Riformare l'Italia, cambiare l'Europa e conoscere meglio il mondo. Si può fare?

ut venenatis Curabitur justo mi, ultricies luctus tempus mattis