Kazakhstan. Alla conferenza ‘Astana: Città della Pace’, spunti e riflessioni sulle iniziative per la smart city


di Dana Omirgazy
[The Astana Times]



ASTANA – Negli ultimi venti anni, la città di Astana è diventata il più importante centro scientifico, culturale ed economico del Kazakhstan. Per celebrare il ventesimo anniversario della fondazione della capitale, funzionari locali e ospiti stranieri si sono ritrovati lo scorso 5 giugno per la conferenza internazionale Astana: Città della Pace.

Una delle sessioni si è focalizzata sulle iniziative smart city dell’area urbana, oltre che sull’esperienza e sui trend di sviluppo delle città nel mondo. «L’architettura della città è già stata formata. Attualmente, la città affronta i più importanti compiti del raggiungimento dell’autosufficienza, anche come polo di crescita economica», ha sottolineato la vicesindaco di Astana Malika Bekturova, che ha inoltre osservato i risultati raggiunti nei primi due decenni di vita della capitale.

«Il PIL regionale di Astana ha superato quota 5.000 miliardi di tenge, pari a 15,1 miliardi di dollari, ovvero 25 volte in più rispetto ai dati del 1997. Si tratta di uno sviluppo notevole. La città è cresciuta sia territorialmente che quantitativamente. La popolazione urbana è aumentata di oltre tre volte, e questo ci ha permesso di registrare un vasto flusso di investimenti […] La città ne attrae sempre di più ogni anno. Oggi, Astana è il centro più attivo in termini di crescita delle piccole e medie imprese. Il contributo della capitale allo sviluppo dell’economia del Paese è pari al 12% del PIL nazionale», ha aggiunto Malika Bekturova.

© The Astana Times

La capitale si sta proponendo obiettivi ambiziosi allo scopo di svilupparsi come smart city. L’amministrazione metropolitana sta studiando l’esperienza di altre capitali simili. «Tutti questi confronti ci fanno capire che non saremo in grado di fornire servizi di qualità fin quando non diventeremo una smart city. Un paio di progetti che stiamo implementando sono mirati a questo obiettivo», ha precisato la vicesindaco.

Varsavia sta attuando il concetto di smart city negli interventi urbani. Il vicesindaco Witold Pahl ha presentato la propria esperienza nel settore dei trasporti e nell’architettura paesaggistica. «Una smart city è una città intellettuale contraddistinta da moderne soluzioni economiche e ambientali, concentrate sul benessere dei cittadini. L’esempio di Varsavia evidenza che non si tratta di un problema legato al futuro. Quasi tutti i residenti della città utilizzano queste tecnologie ogni giorno», ha aggiunto l’amministratore polacco.

La capitale della Polonia è caratterizzata da uno dei più moderni sistemi di trasporto pubblico, utilizzati quotidianamente dal 75% dei residenti che viaggiano in autobus, metropolitana, tram, treno veloce urbano o bicicletta. Il trasporto pubblico offre soluzioni intelligenti e tecnologicamente avanzate, tra cui tabelloni di informazione elettronici, biglietterie automatiche e punti di ricarica per veicoli elettrici.

«Varsavia valorizza anche il suo patrimonio naturale. All’incirca il 40% del territorio metropolitano è coperto da aree verdi. Si compone di quasi 80 tra parchi, piazze, prati e boschi. La vegetazione è pensata per gli abitanti e le loro necessità; inoltre, chiunque può piantare un albero in città. Tutto ciò è facilitato da un’applicazione dedicata, dove ognuno può consigliare all’amministrazione cittadina un’area per la realizzazione di un nuovo spazio verde», ha sottolineato Pahl.

L’amministrazione di Astana sta creando le condizioni per soddisfare i suoi residenti. Sono al vaglio piani per l’installazione di circa 200 fermate multifunzionali dell’autobus riscaldate, 55 delle quali saranno realizzate a spese dell’amministrazione. Astana LRT è la prima ed unica azienda in Kazakhstan che realizza progetti ITS (Servizi di Tecnologia dell’Informazione) per regolare efficacemente il flusso del traffico ricorrendo alla moderna tecnologia e a sistemi di gestione del traffico automatizzati.

Il presidente kazako Nursultan Nazarbayev ha osservato l’importanza di realizzare innovazioni a livello di smart city. «Il concetto di smart city diventerà la locomotiva dello sviluppo locale, il volano dell’innovazione e il fattore di miglioramento della qualità della vita in tutto il Paese», aveva affermato il capo di Stato in una precedente occasione.


Traduzione a cura della Redazione
Fonte in lingua originale qui



© Riproduzione riservata



Articolo precedente

Export digitale e 4.0. Ciclo di incontri estivo tra Milano, Monza, Lodi e Cantù a partire dal 13 giugno prossimo

Articolo successivo

SACE. Presentato il Rapporto sull'export italiano: +5,8% nel 2018 e quota € 540 mld nel 2021. Occhio a 20 mercati

tristique vulputate, ut accumsan Nullam lectus