Kazakhstan. Funzionari in Corea del Sud a caccia di investimenti per la costruzione di moderni bus terminal


di Astana Times

ASTANA – Un piano per le aziende sudcoreane finalizzato a creare una rete di moderni bus terminal in Kazakhstan è stato presentato da alcuni funzionari durante un seminario a Seoul organizzato dall’Ambasciata kazaka in Corea del Sud, da Kazakh Invest e dal Centro kazako per le PPP (partnership pubblico-private). Ai partner sudcoreani è stata presentata una gamma di progetti di investimento, tra cui quelli relativi ad alcune autostazioni. Il governo kazako ha in mente di costruire otto autostazioni moderne nel quadro del programma statale Nurly Zhol nel triennio 2019-2021. Questi terminal, già operativi in Corea del Sud da molti anni, consentono ai passeggeri di scegliere il proprio mezzo fra tre livelli di comfort.

I funzionari del Centro Kazako per le PPP hanno osservato che le infrastrutture stradali necessarie sono già state realizzate. La direttrice Khorgos-Almaty-Aktobe è stata completata, l’opera di costruzione è cominciata sulla nuova arteria Astana-Almaty ed un terzo collegamento connetterà Ust-Kamenogorsk ad Aktau.

«Queste autostazioni offriranno anche servizi aggiuntivi in modo tale da poter attrarre investitori con ulteriori opportunità di guadagno. La costruzione di alberghi, stazioni di rifornimento, centri commerciali e negozi creeranno profitti», ha affermato il project manager Gani Zhilisbayev. La direttrice di Kazakh Invest, Aigul Nuralina, ha notato che i due Paesi – Kazakhstan e Corea del Sud – hanno portato avanti ben 23 progetti di investimento tra il 2005 e il 2016. «Al momento – ha aggiunto la manager – abbiamo oltre 10 progetti in fase di implementazione e sviluppo».

Il Kazakhstan, maggior partner commerciale di Seoul in Asia Centrale, attrae attivamente gli investitori sudcoreani, che hanno già contribuito per oltre 2 miliardi di dollari all’economia kazaka e detengono un patrimonio che supera le 300 aziende. I principali beni sudcoreani esportati in Kazakhstan comprendono veicoli ed elettronica, mentre il Kazakhstan invia in Corea del Sud materie prime, in particolare rame e zinco.


Traduzione a cura della Redazione
Fonte in lingua originale qui



© Riproduzione riservata



Articolo precedente

Asia. Dall'idea giapponese di 'chowa' allo sviluppo della manifattura 4.0 nel Sud-est asiatico

Articolo successivo

Digitalizzazione. Promos e Camera di Commercio organizzano nuovo ciclo di incontri a Milano e Monza

tristique dictum risus quis lectus efficitur. et, ut