La Cina è il maggiore investitore singolo in Africa

di Oliver Jarvis
[CGTN Africa]

La Cina è il singolo Paese a contribuire maggiormente al flusso di capitale e ai posti di lavoro degli investimenti diretti esteri (IDE) in Africa, stando ad un rapporto recentemente pubblicato. Si tratta dell’ultimo rapporto sull’attrattività dell’Africa della nota società di revisione britannica Ernst & Young, in cui si sottolinea che la Cina ha investito in 293 progetti IDE in Africa a partire dal 2005, totalizzando una spesa complessiva di 66,4 miliardi di dollari e creando 130.750 posti di lavoro.

Il rapporto osserva anche che gli IDE cinesi in Africa sono ben diversificati tra i vari settori economici, coinvolgendo tanto quelli legati alle risorse quanto i servizi e la manifattura. Il documento mette inoltre in evidenza che gli investimenti cinesi sono diversificati anche tra i vari Paesi, penetrando sia le nazioni ricche di risorse, come il Sudafrica, la Nigeria e l’Angola sia gli esportatori agricoli, come il Kenya, secondo quanto afferma Logistics Update Africa.

Lo scorso anno, i posti di lavoro creati dai progetti IDE cinesi hanno raggiunto un massimo storico, ovvero più del doppio rispetto al volume registrato nel 2015 ed oltre tre volte il volume generato dal secondo maggiore investitore, ossia gli Stati Uniti. «Al di là del commercio e degli IDE, le aziende cinesi e gli istituti legati allo Stato hanno finanziato e realizzato molti progetti infrastrutturali nel Continente, tra cui porti, strade, ferrovie, dighe, reti per la telecomunicazione, centrali elettriche e aeroporti», aggiunge il rapporto.

Un esempio degno di nota in questo senso è il collegamento ferroviario, di realizzazione cinese, che collega Addis Abeba in Etiopia al porto di Gibuti, inaugurato lo scorso mese di ottobre grazie ad un investimento pari a 4 miliardi di dollari. Lo scorso mese, la Cina ha iniettato 100 miliardi di dollari nel Continente e ha esortato i governi ad essere più indipendenti nelle loro strategie di sviluppo.


Traduzione a cura della Redazione
Fonte in lingua originale qui



© Riproduzione riservata



Articolo precedente

Asia Centrale. L'ECFA pubblica due nuovi paper sullo sviluppo dei Paesi della regione

Articolo successivo

Francia. Poche sorprese ma molte incertezze per il futuro

ut in ipsum et, Phasellus sit