Opportunità tra Italia e Africa, appuntamento domani con un webinar di Luiss e Le Reseau



A cura della Redazione


I legami e le opportunità economiche tra l’Italia e l’Africa, due realtà vicine geograficamente e con potenzialità tutte da sfruttare, saranno al centro domani, martedì 23 marzo, del terzo webinar del Programma Diaspore, un ciclo di incontri on-line organizzato dalla Luiss Guido Carli.

L’appuntamento, con esperti, rappresentanti delle istituzioni e di reti imprenditoriali, promosso insieme con l’Associazione Le Reseau, è per le ore 14.00. L’incontro avrà come obiettivo quello di analizzare le principali sfide politiche ed economiche del Continente africano, le previsioni generali per il 2021, anche in funzione della pandemia, le prospettive per le istituzioni e le imprese italiane, in seguito alla nascita dell’Area Continentale di Libero Scambio Africana (AfCFTA).

Ad intervenire Roberta Datteri, vicepresidente di CNA, Marta Sachy, direttrice generale di Fondazione Aurora, Tarek Tawfik, vicepresidente di BusinessMed, Massimo Zaurrini, direttore di Africa & Affari, e Gianluigi Vassallo, Ambasciatore d’Italia in Sudan. Aprirà i lavori Marco Francesco Mazzù, recruiting leader e professore di Marketing & Digital della Luiss. A moderare Alberto Magnani, giornalista del Sole 24 Ore. Nel corso del webinar, intitolato Prospettive economiche tra Italia e Africa, sarà presentata una sessione di laboratori che si terranno il 13 aprile.

Il Programma Diaspore è un ciclo di appuntamenti e dibattiti cominciato a gennaio. Il segno distintivo dell’iniziativa è quello dell’università che si apre al mondo, ispirando un’Italia con orizzonti globali, che valorizza i talenti e punta sulle comunità di origine straniera a sostegno dell’internazionalizzazione e della condivisione delle conoscenze. Gli incontri on-line – in italiano, inglese e francese – sono organizzati sulla base di un accordo sottoscritto dalla Luiss con Le Reseau, associazione della diaspora africana in Italia, componente del Consiglio Nazionale delle Diaspore.