Portualità. Rilancio del settore al centro della prossima Naples Shipping Week con Port&ShippingTech


Le ricette che la politica e le imprese hanno messo e devono ancora mettere in campo per rilanciare la portualità in Italia dopo l’emergenza Covid-19 costituiranno il tema cruciale della prossima Naples Shipping Week. Giunto ormai alla sua quarta edizione, l’evento proporrà una main conference, dal titolo Port&ShippingTech, che si preannuncia densa di spunti di riflessione per il settore. Atteso a Napoli per l’occasione anche il sottosegretario al MIT Roberto Traversi.


A cura della Redazione


NAPOLI – Le anticipazioni della main conference Port&ShippingTech confermano la Naples Shipping Week, in programma nella città partenopea dal 28 settembre al 3 ottobre prossimi, come uno degli appuntamenti internazionali di riferimento dedicati allo shipping e allo sviluppo del sistema logistico portuale.

Entrati ormai da tempo nella cosiddetta Fase 3 della pandemia, molte sono le azioni che il settore pubblico e privato hanno adottato e devono ancora mettere in campo per contrastare la crisi economica e sociale derivata dall’emergenza Covid-19. Durante Port&ShippingTech sarà possibile capire quali politiche risultino strategiche per migliorare la resilienza del settore nel medio e lungo periodo, anche da un punto di vista economico e finanziario.




Di seguito una sintesi delle due giornate in cartello


Giovedì 1 ottobre ore 14.30
Ports&Finance: green deal & blue growth

Il finanziamento dell’innovazione e delle infrastrutture è sempre stato una componente essenziale della portualità. La scarsità di fondi pubblici, resa più drammatica e presente dal fardello post-Covid, la crescente competizione a livello internazionale e nazionale tra scali e l’entrata in campo di nuovi protagonisti a proprietà statale, rende l’argomento di stretta attualità. La sessione fornirà una panoramica delle tendenze nel settore, dall’autofinanziamento alle partnership pubblico-privato fino ai nuovi profili di accesso al capitale di rischio. Tra i relatori, rappresentanti del settore dei finanziamenti alle infrastrutture, autorità portuali e operatori.


Venerdì 2 ottobre ore 9.30
Pandemic shipping: impatti, resilienza, ripartenza

La sessione si concentra sulle azioni e le direttive adottate per superare la crisi da parte degli attori della filiera dello shipping e della logistica. Aprirà i lavori Roberto Traversi, sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture e Trasporti (MIT), con delega per le Attività relative all’indirizzo, controllo sulle Autorità Portuali e del lavoro nei porti, che racconterà le azioni messe in campo dal MIT per contrastare la crisi post-Covid ed anticiperà le politiche dei prossimi mesi. Alla sessione parteciperanno noti esperti e operatori del settore che forniranno una panoramica a livello europeo ed esporranno le azioni adottate dai diversi stakeholder per far fronte alla crisi economica. Tra questi, Marco Conforti di Feport, Ivano Russo di Confetra, Stefano Messina di Assarmatori, Patrick Verhoeven dell’International Association of Ports and Harbors e Andrea Tassoni della European Maritime Safety Agency.


PROGRAMMA COMPLETO >>>
MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE >>>




Articolo precedente

SACE. Presentato nuovo Rapporto Export: vendite all'estero motore della ripartenza

Articolo successivo

Meccanica. La varesotta PetrolValves consolida la partnership con SACE

dolor. felis sem, felis elementum amet, vulputate, ut