Roma. In arrivo la mostra itinerante ‘Watchmakers’: dal 6 al 15 aprile, i grandi orologi d’autore esposti al MAXXI

ROMA – Grande attesa per il debutto italiano della mostra Watchmakers, prodotta da Maxima, galleria d’arte specializzata in arte moderna e contemporanea, che si occupa di mediazioni d’arte e cura alcune delle più importanti collezioni d’arte italiane. Il proprietario e curatore di Maxima, Claudio Proietti, oltre ad essere un convinto sostenitore di artisti indipendenti di talento, è anche un grande collezionista di orologi ed è stata questa passione che lo ha portato a concepire la mostra, con lo scopo di dare visibilità agli orologiai artigiani, veri e propri artisti contemporanei, talenti assoluti nella creazioni di opere d’arte “da polso”.

E’ così che nasce Watchmakers – The Masters of Art Horology, un evento speciale, che raccoglie eccezionali pezzi di orologeria realizzati da dodici importanti artigiani orologiai indipendenti del mondo: Hajime Asaoka, Christophe Claret, Ludovic Ballouard, De Bethune, Philippe Dufour, Laurent Ferrier, Romain Gauthier, Vianney Halter, Christian Klings, Jean Daniel Nicolas, Roger W. Smith e Kari Voutilainen. In esposizione anche un pezzo speciale: Anniversary, l’ultimo orologio realizzato dal defunto George Daniels, che molti considerano il padre della moderna orologeria indipendente e che ha influenzato direttamente il lavoro di molti degli altri artisti.

La mostra è realizzata in collaborazione con la rinomata casa d’asta leader nel cpixampo degli orologi di alta qualità Phillips – in associazione con Bacs & Russo – leader sia nella ricerca dei pezzi vintage più rari al mondo, che nello scouting di tutti i grandi orologi, a prescindere dalla data di realizzazione. Phillips ritiene che il suo oruolo comporti anche il dovere di supportare questi orologiai, simbolo di una comunità estremamente importante e al tempo stesso molto fragile di artigiani che lavorano instancabilmente per salvaguardare la loro arte. Non è un caso, infatti, che molte delle loro creazioni siano state in passato già presenti nelle aste Phillips, in quanto già molto richieste per qualità e bellezza.

La galleria Maxima e la Phillips in associazione con Bacs & Russo sono dunque fiere di poter condividere con il pubblico della mostra il piacere di ammirare oggi questi meravigliosi orologi, destinati a diventare pezzi vintage di culto. Concepita come una mostra itinerante, Watchmakers vedrà il suo debutto a Roma prima di volare a New York, Hong Kong e infine a Londra: gran debutto a Roma, all’Extra MAXXI, il prossimo 6 aprile, per volare a New York dal 26 al 30 aprile, presso la Phillips NY Gallery del 450 Park Avenue, e a seguire a Hong Kong dal 24 al 28 maggio al Mandarin Oriental Hotel, per arrivare infine a Londra nel quartier generale di Phillips a Berkeley Square, dal 19 al 26 giugno.

In occasione della mostra The Watchmakers – the Master of Art Horology è stato realizzato un coffee table book, 252 pagine, edito da ACC Art Book, con foto di Guy Lucas de Peslouan, l’introduzione della celebre Aurel Bacs e con la nota critica dell’importante giornalista Nicholas Foulkes.


Fonte: Barbara Manto & Partners



Articolo precedente

Germania. Il governo autorizza la costruzione del gasdotto Nord Stream-2, dura reazione di Washington

Articolo successivo

Digitalizzazione. Prorogato al 30 aprile il bando per l'impresa 4.0 della CamCom di Milano-MonzaBrianza-Lodi