SACE. Protezionismo: “chiudere” i mercati non è la soluzione

SACE costituisce, con SIMEST, il Polo dell’export e dell’internazionalizzazione del Gruppo Cassa Depositi e Prestiti (CDP). Compito di SACE è fornire prodotti assicurativi e finanziari in favore delle oltre 25.000 aziende che attualmente vi si rivolgono: credito all’esportazione, assicurazione del credito, protezione degli investimenti, garanzie finanziarie, cauzioni e factoring. SACE opera in 198 Paesi nel mondo e, in virtù della sua esperienza sul campo, oggi, i suoi analisti tornano a ribadire l’importanza dell’apertura dei mercati.

di Pietro Candia, Valentina Cariani, Pierluigi Ciabattoni

Il protezionismo è tornato ad essere un tema centrale nel dibattito politico internazionale. La vittoria del “Leave” nel referendum sulla Brexit e l’elezione di Trump a presidente degli Stati Uniti hanno fatto riemergere l’idea che un maggiore nazionalismo (commerciale e politico) possa essere un fattore di protezione dell’economia locale e di rilancio dell’attività economica. Non a caso il tema del protezionismo sta riscuotendo ampio supporto nei paesi avanzati, in particolare in quelli in cui è più impellente la necessità di stimolo della crescita.

Politiche commerciali restrittive sono state una “tentazione” ricorrente nel corso della storia più o meno recente della comunità internazionale, in particolare nei momenti di difficoltà. La crisi del ’29, le guerre mondiali, la guerra fredda, sono momenti storici in cui il protezionismo ha rappresentato la scelta di politica economica preponderante (Figura 1). Questo non ha impedito tuttavia una sempre maggior integrazione dei mercati attraverso interconnessioni infrastrutturali e la progressiva globalizzazione dei processi produttivi.



Cosa ci dicono i dati? Che il protezionismo è “fuori moda”. La letteratura esistente è ampiamente concorde nel verificare che, ai tempi della “iperglobalizzazione”, il protezionismo non sia la strategia migliore per aumentare la competitività, proteggere il mercato del lavoro locale e rilanciare l’economia di paesi in affanno. Lo sviluppo e la diffusione dell’Information & Communication Technology infatti ha determinato una diffusione del know-how trasversale ai confini nazionali, frammentando la produzione in diverse geografie in base a criteri di convenienza relativi a competenze e costo del lavoro e rendendo più efficiente l’integrazione dei processi produttivi piuttosto che l’isolamento.

Questo processo appare inarrestabile, alla luce del continuo progresso tecnologico e dell’integrazione dei Paesi nelle catene del valore globale (Global Chain Value). Il protezionismo inoltre non sembra favorire la competitività delle produzioni nazionali, poiché provvedimenti commerciali restrittivi comportano tipicamente un incremento dei costi di importazione e del prezzo dei beni esportati.

Cosa dobbiamo attenderci nei prossimi anni, un ritorno al protezionismo o sempre più integrazione?


Fonte: Ufficio Stampa SACE



Articolo precedente

SACE e SIMEST. Firmato protocollo d'intesa con AEFI per l'internazionalizzazione delle fiere italiane

Articolo successivo

America Latina e Caraibi. Come poter sfruttare la Quarta Rivoluzione Industriale?

Aenean quis, Sed mi, Praesent ut leo velit, elit.