SACE e Unicredit supportano gli investimenti in ricerca e sviluppo della trentina LeMur, attiva nel tessile avanzato

TRENTO – Unicredit e SACE, che insieme a SIMEST costituisce il Polo dell’export e dell’internazionalizzazione del Gruppo Cassa Depositi e Prestiti (CDP), hanno perfezionato un’operazione di finanziamento da 250.000 euro per sostenere le attività di Ricerca e Sviluppo di LeMur Srl. La linea di credito, erogata da Unicredit e garantita da SACE, è finalizzata a supportare l’innovazione della PMI trentina che utilizzerà le nuove risorse per analizzare le possibili applicazioni industriali dei filati siliconici con partner esteri.

«Come risultato siamo stati i primi al mondo, e al momento anche gli unici, in grado di filare il silicone creando un prodotto straordinario – ha dichiarato Mario Dorighelli, amministratore delegato di LeMur – Le applicazioni escono dal solo campo tessile per aprirsi a quello medico, automobilistico, sensoristico, dei sistemi di monitoraggio, dei teli di copertura, dell’abbigliamento tecnico e protettivo, e molto altro».

Con questa operazione SACE e Unicredit confermano il proprio impegno in favore delle aziende italiane del settore tessile, un comparto dove il Made in Italy gioca, a livello globale, un ruolo di primaria importanza. Già cliente di SACE in altre occasioni, la LeMur è stata supportata anche da SIMEST attraverso finanziamenti per la patrimonializzazione.

Nata nel 1997, la LeMur è divenuta in poco tempo un punto di riferimento a livello nazionale per lo sviluppo e la produzione di filati elastici. R&D è stato fin dall’inizio della sua storia uno degli asset dell’azienda, che investe nel comparto considerevoli risorse finanziarie e umane. Di recente, dal centro di ricerca dell’impresa è nato il primo elastomero completamente biocompatibile. La LeMur è stata premiata alla Fiera ITMA 2016 di Milano, la più importante a livello internazionale nel settore meccano-tessile, ricevendo i Future Materials Awards nella categoria “Best innovation for protective textiles”.


Fonte: Ufficio Stampa SACE



Articolo precedente

Uzbekistan. Disponibile online il nuovo rapporto ECFA: uno sguardo sull'Asia Centrale e sul Paese di Tamerlano

Articolo successivo

Turismo. La lezione del TTG: contatto col consumatore finale e personalizzazione vere chiavi del successo

commodo Sed Donec amet, lectus dolor