Tanti auguri a tutti i nostri lettori, in attesa di ripartire più forti nel 2018

di Andrea Fais

Durante questo periodo festivo, sino al 2 gennaio, il sito di Scenari Internazionali non sarà aggiornato. Cogliamo l’occasione, dunque, per augurare a tutti i nostri lettori, ai nostri sostenitori e ai loro cari un felice Natale ed un nuovo anno pieno di gioia e soddisfazione.

Con l’autunno del 2017 si è chiuso il terzo anno di vita di Scenari Internazionali. È stato un anno difficile, che, a pochi mesi dal lancio del nuovo sito web, ci ha visto costretti a sospendere le pubblicazioni cartacee nel mese di giugno, subito dopo l’uscita di Tra mano invisibile e mano visibile, ottavo numero della nostra rivista. L’ultimo semestre è stato dunque un periodo di riorganizzazione interna e di revisione generale del progetto.

Dopo tre anni di duro lavoro, abbiamo completato la prima lunga fase di costruzione della testata, considerando chiuso quel cantiere che aprimmo nell’autunno del 2014, quando debuttammo con Sulla nuova Via della Seta – un tema oggi sulla bocca di tutti – che propose sin da subito al pubblico un’offerta editoriale ricchissima sia per i contenuti che per lo stile grafico. Quella pubblicazione ci permise non solo di partecipare e farci conoscere al vertice generale dell’Asia-Europe Meeting di Milano e al 3° Forum Eurasiatico di Verona, ma anche di volare fino in Cina, raggiungendo le metropoli di Pechino e Xi’an per confrontarci con i colleghi del Paese asiatico.

Il nostro lavoro è andato avanti, pur tra non poche difficoltà, e ci ha portato a viaggiare in lungo e in largo per l’Italia, a caccia di reportage, interviste e approfondimenti. Da Milano a Roma, passando per Bologna, Firenze, Perugia, Modena e via di seguito, abbiamo organizzato o partecipato a seminari, incontri ed eventi. Con modeste risorse a disposizione e nell’anonimato generale di un mercato ostico ed atomizzato come quello editoriale, abbiamo compiuto sacrifici importanti e affrontato sfide non semplici.

Scontato dire che, arrivati alla soglia della scorsa estate, eravamo stanchissimi. Mai, tuttavia, l’idea di mollare la presa ha sfiorato i nostri pensieri. Abbiamo immediatamente cercato di riorganizzare la struttura. Abbiamo messo a punto nuove strategie per riattivare quanto prima il cartaceo, puntando al contempo sul potenziamento dell’offerta on-line. In pochi mesi, il nostro sito si è così temporaneamente sostituito alla rivista, proponendo interviste, reportage e contributi di alto livello istituzionale ed economico che ci hanno permesso anche di incrementare il numero di visitatori e di contatti social.

Il 2018 si aprirà con importanti novità. Scenari Internazionali tornerà in tipografia, pur continuando ad offrire succulenti contenuti anche all’interno del sito web, nella speranza che i lettori ci seguano sempre più numerosi. Perché, come amiamo ripetere da anni, il vostro sostegno è la garanzia di un prodotto migliore.



Articolo precedente

SACE SIMEST. AD Decio: Con Maire Tecnimont accordo per sostenere crescita e competitività di un grande player

Articolo successivo

Africa Orientale. La ferrovia Etiopia-Gibuti, costruita dalla Cina, sta trasformando il commercio regionale