Thailandia. Opportunità di business per le aziende: se ne parla a Perugia il 30 maggio prossimo in Confindustria

Umbria Export, in collaborazione con Confindustria Umbria, Thailand Board of Investment (BOI) e Gogate, annuncia una nuova country presentation, dedicata alla Thailandia, in programma per mercoledì 30 maggio, presso la sede centrale di Confindustria Umbria, a Perugia, in Via Palermo n. 80/a, a partire dalle ore 9.00. L’evento è gratuito per le aziende del territorio regionale associate.


La Thailandia – recita il comunicato – è uno dei più interessanti Paesi dell’area ASEAN (Indonesia, Malesia, Filippine, Singapore, Thailandia, Brunei, Cambogia, Laos, Myanmar e Vietnam) e l’Italia ha notevoli margini di miglioramento per incrementare la propria presenza commerciale e produttiva. Secondo quanto riferito da Umbria Export, il governo sta incentivando politiche per incoraggiare ulteriori investimenti e lo sviluppo dei 10 settori-target della Thailandia, rimodernando i cinque comparti industriali già esistenti: Automotive, Elettronica, Petrolchimica, Agricoltura e Alimentazione e Turismo; e puntando su altri cinque nuovi settori come motori per la crescita futura: Automazione & Robotica, Aerospaziale, Digitale, Biotecnologia e Sanità (Fonte BOI).


Programma dei lavori

h. 09:00–09:30
Registrazione dei partecipanti

h. 09:30–09:40
Saluti
Dott. Elio Schettino, Direttore Generale Confindustria Umbria

h.09:40–10:00
Introduzione
Dott. Enzo Faloci, Direttore Umbria Export

h. 10:00–10:40
Opportunità di business in Thailandia
Mr. Choowong Tangkoonsombati, Direttore Ufficio Parigi, Ente attrazione investimenti Thailandia

h.10:40–11:00
Dibattito

h. 11.00–11:15
Coffee break

h. 11:15–13:00
B2B


Quota di iscrizione all’evento:
❖ Aziende associate a Confindustria Umbria: gratuito
❖ Aziende non soggette a Confindustria Umbria: € 100 + IVA – Tot. € 122,00 – da corrispondere unitamente al modulo di iscrizione.


Per info e adesioni qui



Articolo precedente

Privacy. Scenari Internazionali si adegua alla nuova normativa europea prevista dal GDPR

Articolo successivo

SPIEF 2018. Da San Pietroburgo uno sguardo alla dinamiche di integrazione economica in Europa e in Asia

non suscipit Donec Praesent ut facilisis Aenean Lorem consectetur venenatis, Donec ipsum