Uzbekistan. Presidente Shavkat Mirziyoyev lancia nuovo piano di sviluppo turistico al 2025


Ieri, il presidente uzbeko Shavkat Mirziyoyev ha presieduto un vertice dedicato all’implementazione e all’accelerazione dei progetti di investimento nel Paese dell’Asia Centrale, alla presenza dei membri del governo, del presidente del Parlamento (Jokargi Kenes) della Repubblica Autonoma del Karakalpakstan, dei governatori (khokim) delle regioni e della città di Taškent, e dei capi delle missioni diplomatiche all’estero, collegati in videoconferenza. Il presidente si è espresso anche sul turismo, annunciando una svolta per il settore nel 2019, in un Paese che vanta siti di altissimo valore storico e paesaggistico, come Samarcanda, Bukhārā, Khiva, Kokand e tutta la Valle del Fergana.



In occasione dell’ultimo vertice presidenziale sui progetti di investimento in Uzbekistan, il presidente del Paese centrasiatico Shavkat Mirziyoyev ha affrontato anche il tema del turismo. Il presidente uzbeko si è soffermato sui compiti della struttura del Consiglio dei Ministri, sottolineando la necessità di rafforzare l’attrazione degli investimenti diretti nel settore turistico.

«Stiamo gradualmente creando tutte le condizioni per il settore, fornendo ampie opportunità a investitori ed imprenditori. Il 2019 sarà un anno di svolta per lo sviluppo in questo ambito», ha affermato Mirziyoyev.

Il capo di Stato uzbeko ha avanzato alcune proposte per lo sviluppo del settore durante il suo discorso all’Assemblea Suprema. Al fine di mettere in atto queste proposte, in ottemperanza al Decreto Presidenziale del 5 gennaio scorso, è stato approvato il Piano di Sviluppo del Settore Turistico nella Repubblica dell’Uzbekistan 2019-2025. Lo stesso giorno è stata approvata dalla risoluzione del presidente anche una lista di promettenti progetti per l’organizzazione delle strutture alberghiere.

Come riportato dall’Ufficio Stampa presidenziale, quasi 2,7 milioni di turisti hanno visitato l’Uzbekistan nel 2017 e 5,3 milioni nel 2018. Entro il 2025, è previsto un aumento del numero di turisti stranieri sino a 7 milioni, così come un incremento delle entrate annuali dall’export di servizi turistici fino a quota 2 miliardi di dollari.




Traduzione a cura della Redazione
Fonte in lingua originale qui



© Riproduzione riservata



Articolo precedente

Alaska. Eni acquisisce il 70% e diventa operatore del giacimento petrolifero di Oooguruk

Articolo successivo

Accordo SACE SIMEST-ANIMP su impiantistica industriale. In programma business matching in Brasile

Phasellus facilisis vulputate, nec risus dictum sit velit, in ut elit.