Vietnam. Partita alla Borsa di Hanoi la prima sessione di scambi dell’anno, dati confortanti nel 2021



A cura della Redazione


È partita oggi, inaugurata dalla cerimonia del battito del gong, la prima sessione di negoziazione del mercato azionario vietnamita. Secondo Nguyen Tuan Anh, vicedirettore generale della Borsa di Hanoi (HNX), citato da VNA, lo scorso anno il mercato azionario del Paese asiatico ha registrato una forte crescita, diventando un canale di investimento attrattivo.

Alla fine del 2021, la capitalizzazione azionaria aveva infatti superato quota 750 milioni di miliardi di dong vietnamiti (VND), pari a circa 329,3 miliardi di dollari, per un incremento del 45% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, raggiungendo un valore equivalente al 100% del PIL. Lo scorso 26 novembre, il VN-Index ha superato per la prima volta i 1.500 punti, segnando un picco storico per i titoli finanziari nel Paese.

Il ministro delle Finanze Ho Duc Phoc, presente alla cerimonia, ha ricordato le difficoltà attraversate nel corso del 2021 a causa della pandemia pur sottolineando come l’anno si sia concluso con risultati positivi. Il PIL è cresciuto del 2,59% restando in terreno positivo come nel 2020 (+2,91%), ed il Vietnam «è riuscito ancora a mantenere la stabilità microeconomia ed un soddisfacente controllo su inflazione, tasso di interesse e tasso di cambio».

Phoc ha poi sottolineato che lo scorso anno, il mercato azionario ha contribuito al bilancio statale per un valore prossimo agli 11.000 miliardi di VND (483 milioni di dollari), più del doppio rispetto ai 5.200 miliardi del 2020.

In crescita anche la liquidità di mercato, che ha superato 1 miliardo di dollari in numerose sessioni e addirittura 2 miliari in alcune altre. Il numero di nuovi conti titoli registrati nel 2021 ha infatti raggiunto quello totalizzato nei quattro anni precedenti. La mobilitazione di capitale è inoltre cresciuta del 25% su base annua, con il valore di azioni ed obbligazioni societarie emesse aumentato di 2,3 volte rispetto al 2020.

Restano tuttavia ancora problemi da risolvere, secondo il ministro, che ha indicato la necessità di compiere maggiori sforzi nel completamento del quadro normativo, invitando infine il mercato azionario ed il colosso informatico FPT a lavorare insieme per evitare problemi di congestione tecnica, come quelli capitati durante lo scorso anno alla Borsa di Ho Chi Minh City.



Articolo precedente

Cuba. Bogatyr: Interscambio con Russia a $97,9mln nei primi 10 mesi, bene riforma monetaria

Articolo successivo

Messico. Altri $49mln per deviare una tratta del Tren Maya, procedono i lavori per il megaprogetto