Vietnam. Turismo alternativo a Ho Chi Minh City, dal vecchio ufficio postale alla riserva di mangrovie



A cura della Redazione


HO CHI MINH CITY – Sono molte le attrazioni che Ho Chi Minh City offre ai visitatori, rafforzandone il ruolo di sede permanente di ITE HCMC, la più grande fiera dedicata al turismo della regione del Delta del Mekong, giunta ormai alla sua 15a edizione, da poco conclusasi, che ha visto Scenari Internazionali presente in qualità di media partner.
Oltre ai molti luoghi di divertimento, ristorazione e intrattentimento presenti in città e ai numerosi templi religiosi, due attrazioni in particolare richiamano l’attenzione dei turisti più attenti alla storia contemporanea e alla natura: l’Ufficio Postale Centrale di Saigon, costruito in era coloniale alla fine del XIX secolo, e ancora conservato in ottimo stato; e la Riserva Biologica di Cần Giờ, dove vengono preservate le caratteristiche mangrovie fluviali e molte altre specie vegetali e animali.

Una lettera con il Signor Dương
L’Ufficio Postale Centrale di Saigon è una delle destinazioni turistiche più iconiche di Ho Chi Minh City. L’edificio offre un affascinante esempio di architettura coloniale e decorazioni ornamentali che spesso fanno da sfondo a servizi fotografici per sposi, gite scolastiche e tour guidati della città. Si tratta di un bellissimo lascito di un periodo storico pur complicato e difficile per il Vietnam. Costruito tra il 1886 e il 1891, l’ufficio postale raffigura elementi classici del design coloniale francese che sposa elementi pseudo-gotici e pseudo-rinascimentali. Mentre alcuni ne attribuiscono erroneamente il progetto a Gustave Eiffel, il famoso ideatore dell’omonima torre di Parigi, in realtà l’ufficio postale di Saigon è opera dall’architetto francese Alfred Foulhoux.
Il palazzo presenta un esterno di colore giallo brillante, incorniciato da un rivestimento bianco. Le finestre curve sono elegantemente rifinite con persiane verdi. Un grande orologio è ben visibile all’ingresso principale dell’edificio. Gli splendidi e spaziosi interni presentano alti soffitti a cupola con archi in metallo ed un meraviglioso pavimento piastrellato a motivi geometrici. Due mappe dipinte spiccano all’interno dell’ufficio: Lignes télégraphiques du Sud Vietnam et du Cambodge 1892, che raffigura la vecchia strada postale dal Vietnam meridionale alla Cambogia, e Saigon et ses environs 1892, una mappa locale.
All’interno dell’Ufficio Postale Centrale di Saigon, il turista potrebbe sentirsi trasportato fuori dall’Asia, in una stazione ferroviaria europea di inizio secolo scorso. L’edificio presenta infatti cabine telefoniche in legno antico, accuratamente lucidate, dipinti ad olio originali alle pareti, ripiani in legno ai lati, flaconi vintage di colla per apporre i francobolli sulle buste ed angoli dotati di tavolini per scrivere una lettera a una persona cara. L’unico punto di riferimento aggiunto in seguito è il grande ritratto di Ho Chi Minh sul fondo della sala.
La città vietnamita ha preservato meticolosamente questo prezioso edificio, che è ancora in piena attività, offre servizi postali completi e mette in vendita una serie di cartoline e francobolli d’epoca, graziosi souvenir da portare a casa. All’interno dell’ufficio non è difficile imbattersi in Dương Văn Ngộ, un uomo riconosciuto dal Guinness dei primati grazie ai ventisette anni trascorsi a scrivere lettere per coloro che non sapevano farlo da soli. L’ottantanovenne vietnamita parla correttamente inglese e francese e continua a scrivere lettere ogni giorno nonostante l’età avanzata. Inizia la sua giornata lavorativa alle 8:00 per staccare alle 15:00, scrivendo diverse lettere al giorno ad un prezzo di 50 centesimi a pagina. Il Signor Dương è diventato un’icona dell’ufficio postale negli ultimi anni e molti turisti si fermano per una foto o una lettera da portare a casa per ricordo.

Il regno delle mangrovie
Collocata nel Distretto di Cần Giờ, già Duyên Hải, la Riserva della Biosfera si adagia lungo la fascia costiera di Hồ Chí Minh. L’area è situata in un complesso estuario di recente formazione [ovviamente in tempi geologici, nda], dove i fiumi Vàm Cỏ, Saigon e Đồng Nai si riversano nel mare. La topografia di Cần Giờ è quindi piuttosto bassa e molto dinamica. Il sito si dipana in una rete di canali e fiumi. I tipi di habitat dominanti a Cần Giờ sono la foresta di mangrovie reimpiantate, estese su circa 20.000 ettari, e quella di mangrovie a rigenerazione naturale, posizionate su circa 7.000 ettari. La principale specie di mangrovia utilizzata per il reimpianto è la Rhizophora apiculata, sebbene siano presenti anche esemplari di Rhizophora mucronata. Il sito presenta anche letti di alghe, caratterizzati da Halophyla sp., Halodule sp. e Thalassia sp.
In generale, nel sito sono state registrate 200 specie di flora e 52 di fauna, fra cui 18 diverse specie di molluschi, 27 di crostacei, 45 di pesci, 3 di anfibi. Tra i vari animali da osservare ci sono i granchi, le scimmie e grandi pipistrelli, oltre a voraci coccodrilli a cui i turisti possono dare da mangiare pollo o anguille allungando il cibo a bordo di apposite imbarcazioni, in totale sicurezza.
I fanghi intertidali e i banchi di sabbia nella riserva della biosfera costituiscono un habitat importante per gli uccelli costieri migratori, come il piro-piro boschereccio (Tringa glareola), il codirosso comune (Phoenicurus phoenicurus), la pettegola (Tringa totanus), il piro-piro piccolo (Actitis hypoleucos), la pivieressa (Pluvialis squatarola), il corriere della Mongolia (Charadrius mongolus) e il cavaliere d’Italia (Himantopus himantopus). Nella riserva sono state registrate anche diverse specie di uccelli acquatici minacciate a livello mondiale, tra cui il beccospino macchiato (Tringa guttifer), il il piro-piro pettorossiccio asiatico (Limnodromus semipalmatus), il pellicano grigio (Pelecanus philippensis) e la cicogna dipinta (Mycteria leucocephala).
Designata sito UNESCO nel 2000, la foresta di mangrovie di Cần Giờ svolge molte preziose funzioni ecologiche, tra cui la stabilizzazione costiera e la protezione dall’erosione costiera e dagli effetti delle mareggiate. Rappresenta inoltre una fonte di approvvigionamento di legna da ardere e materiali da costruzione, ed è considerata il polmone verde di Hồ Chí Minh.
Trovandosi a poca distanza dalla città, la Riserva della Biosfera di Cần Giờ ha un grande potenziale come sito per turismo, istruzione pubblica, ricerca scientifica e formazione. Cần Giờ potrebbe anche fungere da luogo di dimostrazione per nuovi progetti di rimboschimento di mangrovie nel Paese e nella regione tropicale.




© Riproduzione vietata



Articolo precedente

Fare affari in Cina: strategie, soluzioni finanziarie e aspetti normativi. Appuntamento il 10 settembre a Milano

Articolo successivo

Costruzioni. FIDEC 2019: appuntamento a novembre, 'call for speaker' aperta fino al 30 settembre

risus libero. massa vel, Curabitur risus. elementum nunc Nullam efficitur.