Voli. AirlineRatings: Air New Zealand al top, seguono Singapore Airlines e All Nippon Airways



di Redazione


È stata pubblicata ieri la classifica 2020 di AirlineRatings.com, portale specializzato nella valutazione delle compagnie di volo. La migliore in assoluto per quest’anno è Air New Zealand, la compagnia di bandiera della Nuova Zelanda, Paese ormai da qualche anno ai vertici mondiali negli indici di competitività e clima per le imprese. Quest’anno è arrivato il sorpasso su Singapore anche nel settore dell’aviazione civile, con Singapore Airlines costretta ad “accontentarsi” del secondo posto mondiale.

Il sistema di valutazione di AirlinesRatings.com assegna un punteggio, compreso tra una e sette stelle, in termini di sicurezza. La classificazione tiene conto di una serie di diversi fattori relativi ai controlli da parte degli organi direttivi del trasporto aereo, delle principali associazioni e dei dati sulla sicurezza della compagnia aerea. I dodici criteri presi in considerazione per la graduatoria generale comprendono, tra gli altri, l’età della flotta, le recensioni dei passeggeri, la redditività, l’affidabilità per gli investitori, le offerte di servizi e i rapporti col personale.

«Secondo la nostra analisi, Air New Zealand è emersa al primo posto nella maggior parte dei nostri criteri di controllo, cioè una performance straordinaria se si considera che aveva di fronte vettori con maggiori risorse e maggiori dimensioni», ha osservato Geoffrey Thomas, direttore responsabile di Airline Ratings.

Per l’AD di Air New Zealand, Jeff McDowall, questo riconoscimento è una dimostrazione degli sforzi compiuti dai 12.500 dipendenti della compagnia, che – a detta dell’azienda – si sono concentrati sull’obiettivo di offrire ogni giorno ai propri clienti un’esperienza tipicamente neozelandese di livello mondiale. Come ha ricordato Airline Ratings, la compagnia è stata premiata per la sesta volta sulla base delle sue prestazioni da record, delle pluripremiate innovazioni di bordo, della sicurezza operativa, della leadership in campo ambientale e della motivazione del suo staff.

Singapore Airlines, sebbene scavalcata al primo posto, ha comunque ottenuto il prestigioso riconoscimento per la Prima Classe grazie all’eleganza della sua offerta migliore. Le sei suite della cabina posizionata davanti al piano superiore dei suoi Airbus A380, fiore all’occhiello della compagnia, sono pensate come piccole stanze di albergo. Al terzo posto in classifica si piazza la giapponese All Nippon Airways (ANA), seguita dalla compagnia di bandiera australiana Qantas, che si è aggiudicata il premio per il Miglior Servizio Aereo Locale per le Migliori Lounge, e dalla cinese Cathay Pacific di Hong Kong.

Emirates, compagnia di bandiera di Dubai, ha ottenuto il sesto posto in classifica aggiudicandosi riconoscimenti per il Miglior Intrattenimento a Bordo ed il Miglior Viaggio a Lunga Distanza del Medio Oriente, oltre a rientrare nella top-10 di AirlineRatings.com. «Emirates è stata uno dei pionieri dell’intrattenimento a bordo ed una delle prime compagnie ad installare schermi sugli schienali delle poltrone nella classe economy», ha ricordato Thomas. «Attualmente la sua piattaforma di intrattenimento ICE è un unico nel suo genere».

Per trovare la prima compagnia europea bisogna scendere al settimo posto in graduatoria, dove si piazza la britannica Virgin Atlantic, per poi proseguire sino all’undicesimo gradino della classifica, appannaggio della compagnia di bandiera tedesca Lufthansa. Alle sue spalle, in dodicesima posizione, la finlandese Finnair mentre al quattordicesimo compare l’omologa olandese KLM. Diciassettesima, invece, British Airways. Restano generalmente più indietro le compagnie statunitensi, con vettori comunque di alto livello quali Hawaiian Airlines (16a), Alaska Airlines (18a) e Delta Airlines (19a).

Qatar Airways, nona in classifica, si è aggiudicata i premi per il Miglior Catering e la Miglior Business Class grazie alle sue Qsuites. «La Qsuite della compagnia qatarina è un’esperienza di elevato livello in business class», ha osservato Geoffrey Thomas, aggiungendo che «essa stabilisce uno standard a cui diverse compagnie possono solo aspirare».

Virgin Australia, giunta decima, ha conquistato invece il premio Miglior Economy per le cabine estremamente spaziose che la contraddistinguono da molte altre compagnie. Il vettore con sede a Brisbane offre ai passeggeri le cabine 777 più grandi. Ha vinto inoltre il premio per il Miglior Personale di Bordo. «Virgin Australia ha ridefinito l’esperienza del viaggio con le sue Economy X, Premium Economy e la straordinaria Business class – ha sottolineato Thomas – e se si aggiunge a questo il suo personale di bordo, il migliore al mondo, ecco un’altra compagnia che sa spingersi ben oltre sé stessa».

Tra gli emergenti si fa largo la compagnia low-cost filippina Cebu Pacific che ottiene il riconoscimento di AirilineRatings.com quale Compagnia maggiormente Migliorata del 2020, grazie alla «mossa di espandere la sua impronta globale utilizzando aerei a basso consumo di carburante di nuova generazione fa di Cebu Pacific». Restando nel Sud-est asiatico, è la vietnamita VietJetAir ad aggiudicarsi, per il terzo anno consecutivo, il premio quale Miglior Compagnia Ultra Low-Cost.

Nel complesso, la top-20 di AirlineRatings.com comprende in ordine, dalla prima alla ventesima, le seguenti compagnie aeree: Air New Zealand (NZ), Singapore Airlines, ANA (Giappone), Qantas (Australia), Cathay Pacific (Hong Kong, Cina), Emirates (Dubai, EAU), Virgin Atlantic (GB), EVA Air (Taiwan, Cina), Qatar Airways, Virgin Australia, Lufthansa (Germania), Finnair, Japan Airlines, KLM (Olanda), Korean Airlines, Hawaiian Airlines (USA), British Airways, Alaska Airlines (USA), Delta Air Lines (USA) ed Etihad Airways (Abu Dhabi, EAU).




© Riproduzione vietata



Articolo precedente

Piemonte. Export verso Russia a €295 mln nel primo semestre: traina Torino (+18%), cala resto della regione

Articolo successivo

Ghana. Eni e CDP insieme a Okuafo Pa per lo sviluppo sostenibile nell'agro-industria

Curabitur ipsum nunc Sed Aenean Praesent ut id luctus tristique sit