Brunei. ATF nel cuore del Borneo, Ministro Apong: Sviluppiamo il turismo conservando tradizioni e identità


Ha preso il via tre giorni fa il Forum Turistico dell’ASEAN 2020 (ATF 2020), nel cui ambito si svolge ATF TRAVEX, evento specifico dedicato agli operatori turistici, cominciato ieri. Paese ospitante per quest’anno è il Brunei, noto come “Negara Brunei Darussalam” in lingua malese, ovvero Dimora della Pace, piccolo Stato del Sud-est asiatico formato da due lembi di territorio del Borneo, confinanti con il Territorio Federale malesiano di Sarawak. Dopo l’edizione dello scorso anno in Vietnam, Scenari Internazionali si conferma media partner anche per questo evento, denso di appuntamenti di rilievo. Nonostante la lontananza geografica, numerose sono infatti le opportunità per operatori e buyer intenzionati ad investire su destinazioni ancora poco esplorate e conosciute in Europa.


A cura della Redazione


Hanno preso formalmente il via ieri, primo giorno di ATF TRAVEX 2020, nell’area espositiva BRIDEX di Jerudong, insediamento costiero a 20 km dalla capitale Bandar Seri Begawan, le attività di business tra i principali operatori turistici e di viaggio provenienti dai dieci Paesi membri dell’ASEAN – Brunei, Cambogia, Filippine, Indonesia, Laos, Malesia, Myanmar, Singapore, Thailandia e Vietnam – nonché dall’India ed altri buyer globali.

Organizzato in concomitanza con gli incontri ufficiali dei dipartimenti nazionali per il turismo dell’ASEAN, dei delegati ministeriali, dei consigli associativi e dei gruppi turistici, cominciati sin dal 12 gennaio, TRAVEX è una tre giorni di confronto sul mondo dei viaggi nell’ambito del Forum. Incentrata sulle aziende, la fiera è dedicata alla divulgazione di pacchetti e servizi turistici, oltre alla promozione di viaggi in entrata nella regione e tra gli stessi Paesi ASEAN, affiancate da appuntamenti strutturati che vedono incontrarsi operatori dell’area ASEAN e buyer provenienti da 43 tra Paesi e territori, quali Australia, Azerbaigian, Cina, Francia, Germania, Hong Kong (Cina), India, Lettonia, Macedonia, Corea del Sud, Svezia, Polonia, Russia e Stati Uniti.

«Durante l’ATF 2020 presenteremo il programma ‘Visit Malaysia 2020’. Vogliamo invitare tutti gli operatori di settore per attrarre ed accogliere nel migliore dei modi 30 milioni di turisti in Malesia, concentrandoci sul turismo sostenibile, sull’arte e sulla cultura». Ad affermarlo è Noran Bin Ujang, direttore del Programma di Promozione Internazionale per il Sud-est asiatico di Tourism Malaysia.

Said Kyaw Pyay Oo, direttore generale di Asian Tour Co. Ltd., azienda del Myanmar, ha sottolineato: «L’obiettivo della nostra partecipazione ad ATF 2020 è cercare partenariati con gli operatori di viaggi di avventura e di incentivazione, aziende di gestione della destinazione (DMC) e fornitori di prodotti e servizi ecosostenibili, nonché stabilire contatti con alberghi, resort ed aziende turistiche».

Tra i momenti più rilevanti dell’edizione di quest’anno c’è la sezione di incontri veloci – una novità nel programma di TRAVEX – che fornisce tantissime opportunità ai delegati per crearsi una propria rete aggiornata a margine della fiera e degli appuntamenti, che si svolgeranno fino a domani, 16 gennaio. Per ottimizzare l’efficienza in loco, tutti gli espositori e i buyer hanno avuto la possibilità di programmare fino al 100% dei loro incontri prima di arrivare in Brunei.

Altra novità per questa edizione di AFT TRAVEX è rappresentata dagli incontri all’aperto organizzati dal Direttivo Turistico di Singapore (STB), dedicati ai viaggi islamici. Si sono svolti oggi presso il Salone dei Buyer di Singapore, all’interno della sala espositiva. Il cofondatore del programma Have Halal di Will Travel, Mihail Melvin Goh, e l’AD di CrescentRating & Halaltrip, Fazal Bahardeen, affronteranno il tema evidenziando i punti di forza di Singapore quale destinazione turistica Muslim-friendly e le tendenze turistiche dei musulmani. A moderare l’incontro sarà Dawn Ng, direttrice di STB per l’Area Malesia & Brunei.

I momenti salienti dei lavori in programma includono rinfreschi organizzati da Tourism Malaysia e dal Consiglio di Promozione Turistica delle Filippine, nonché un ricevimento comprensivo di cena realizzato dal Ministero del Turismo della Cambogia. Lo stesso Sultanato del Brunei, Paese ospitante, presenterà numerosi eventi quali rinfreschi per buyer e giornalisti, oltre a momenti già andati in archivio come la cerimonia di apertura ed una cena di benvenuto per tutti i delegati.

I tour omaggio pre-evento del Brunei svoltisi ieri e l’altroieri hanno permesso ai delegati di farsi un’idea della dimora di pace del Brunei. Nei giorni successivi ad ATF TRAVEX, l’esperienza andrà avanti con accattivanti intinerari turistici facoltativi quali una crociera lungo il Fiume Brunei o avventure all’aperto presso il Parco Nazionale Ulu Temburong, dal 17 gennaio in avanti.

Più di 109 rappresentanti dei media internazionali e locali sono chiamati a raccontare in prima persona gli ultimi passi in avanti compiuti dalle dieci organizzazioni nazionali turistiche e dal Segretariato generale dell’ASEAN, grazie agli incontri con la stampa cominciati ieri.

Il ministro delle Risorse Primarie e del Turismo del Brunei, Dato Seri Setia Awang Haji Ali bin Apong ha affermato: «Mentre guardiamo al prossimo decennio confidando in un’ASEAN più prospera ed incisiva, gli Stati membri devono continuare ad innovarsi insieme e proporre iniziative importanti per aumentare la crescita del turismo conservando il patrimonio, le tradizioni e le identità che ci rendono unici per le future generazioni. Quest’anno, che vede il Sultanato del Brunei ospitare l’ATF, vi invitiamo ad esplorare un Paese dove potrete compiere escursioni nelle foreste pluviali e provare la tranquilla bellezza della nostra rigogliosa vegetazione, oltre ad immergervi sino alle numerose barriere coralline e agli storici relitti. La vostra avventura bruneiana vi attende!».




© Riproduzione riservata



Articolo precedente

Kazakhstan. Conferme positive per Doculite, nuovo sistema e-gov che facilita la vita alle imprese

Articolo successivo

Mobilità sociale. WEF pubblica primo rapporto: mondo ancora indietro su merito e pari opportunità

dapibus elementum Curabitur adipiscing ipsum Phasellus risus. ipsum sem, luctus venenatis, Sed