Logistica. Approvati ampliamento Savona Terminal Auto e sviluppo polo nautico Genova

Photo credit © AdSMLO



A cura della Redazione


Il Comitato di Gestione, nella riunione odierna, ha deliberato a favore dell’ampliamento di ulteriori 26.421,00 mq circa dell’area in concessione a Savona Terminal Auto in considerazione della valorizzazione del compendio in termini di sviluppo della movimentazione, oltre che di miglioramento dell’operatività e di funzionalità del terminal a beneficio della viabilità pubblica. A farlo sapere è l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale – Ports of Genoa, in un comunicato stampa diffuso in serata.

Sempre negli ambiti territoriali del Porto di Savona–Vado, sei imprese che svolgono attività industriali, artigianali e commerciali (Royal Marine , F.B. Steel, Nautica Maffei, Luninav, Cosnav e Cogni) hanno ricevuto parere favorevole all’iscrizione nel Registro ex art. 68 del codice della navigazione.

Nel Porto di Genova via libera del board al progetto di sviluppo del polo nautico di levante presentato da North Sails, Gatti, Genoa Sea Service e Consorzio Assistenza Nautica attraverso l’istanza congiunta di concessione di un’area di circa 3.000 mq per la durata di 25 anni.

Con un piano di investimenti da oltre 7,6 milioni di euro, in un arco di tempo compreso tra i 24 e i 27 mesi, è prevista la costruzione di un nuovo modulo che ospiterà al piano terra due cantieri navali dedicati alle attività di GATTI e GSS, e al piano superiore i locali destinati alle attività di veleria e riparazione vele svolte da North Sails, che avrà a disposizione anche delle aree a livello strada adibite a magazzino.

Il Comitato di Gestione ha poi deliberato in merito al rilascio, rinnovo e sospensione di concessioni provvisorie e titoli demaniali, autorizzazioni ex art. 24, ex art. 45 bis. e 46.

In particolare, con riferimento agli interventi del Programma straordinario in attuazione nel Porto di Genova, ha espresso parere favorevole alle sospensioni parziali e temporanee delle concessioni in capo a Porto Antico di Genova Spa e ad Amico & Co. Srl, per motivi di pubblico interesse relativi alla realizzazione della Nuova Torre Piloti, e a Stazioni Marittime Spa per consentire gli interventi di ripristino di Calata Zingari.

A sua volta, Stazioni Marittime ha presentato richiesta di autorizzazione a procedere con opere preventive di adeguamento dell’accosto 17 di Ponte Colombo per assicurare il collegamento tra Genova e Tunisi che altrimenti potrebbe essere interferito dai lavori di consolidamento e potenziamento di Ponte dei Mille attualmente in corso.

Inoltre, ai sensi dell’art. 21quater della l. 241/1990, il Comitato ha deliberato a favore di revoche e sospensioni temporanee di concessione interferenti con l’attuazione degli interventi relativi alla Nuova viabilità portuale di Sampierdarena e al riassetto del sistema di accesso alle aree operative del bacino portuale di Pra’.

Infine, per quanto concerne gli indennizzi previsti dall’art.199 Legge 77/20 e i contributi di cui all’art.17 comma 15 bis della Legge 84/94, sono stati riconosciuti a favore dalla Compagnia CULP “Pippo Rebagliati” S.c.a.r.l. rispettivamente euro 84.330 relativi alle minori giornate registrate nel periodo da gennaio a novembre 2021, ed euro 331.441,90 relativamente ai costi sostenuti nel periodo agosto-dicembre 2021 per il reimpiego in altre mansioni del personale non idoneo allo svolgimento delle operazioni e servizi portuali, e per la formazione.



Articolo precedente

MFW. Milano tornata al centro della moda, export di settore in crescita (+21%) nel 2021

Articolo successivo

SF&LmI 2022. Decarbonizzazione e circolarità nell’industria e nella logistica