Pakistan. Altri $235mln da ADB per ampliare le carreggiate della Nazionale 55



A cura della Redazione


La Banca Asiatica di Sviluppo (ADB) ha approvato un prestito da 235 milioni di dollari per ammodernare l’Autostrada Nazionale 55 (N55), nota anche come Indus Highway. A dare la notizia è stata ieri PTV, il broadcaster statale del Paese asiatico, citata dal Daily Pakistan. Il progetto ha l’obiettivo di allargare i 222 chilometri del tracciato compreso tra Shikarpur e Rajanpur, passando da due a quattro corsie per carreggiata.

I lavori aumenteranno la capacità di una sezione autostradale particolarmente trafficata, che transita per alcuni importanti centri produttivi delle province del Punjab e del Sindh. La N55 è infatti ritenuta un’autostrada essenziale per la connettività regionale in quanto parte del Corridoio 5 nel quadro della Cooperazione Economica Regionale dell’Asia Centrale (CAREC), che prevede di collegare il porto di Karachi e quello di Gwadar, nel Pakistan meridionale, con i centri economici nazionali ed internazionali verso nord.

L’intero tragitto regionale previsto per il Corridoio 5 prende il via dallo Xinjiang cinese, prosegue in Kirghizistan attraverso lo snodo Yierkeshitan-Irkeshtam, supera il confine a Karamyk per entrare in Tagikistan e quindi dirigersi verso l’Afghanistan, all’altezza di Shirkhan Bandar, nella provincia di Kunduz. Da qui, la direttrice stradale raggiunge Torkham, nella provincia di Nangarhar, ed entra in Pakistan, nella provincia del Khyber Pakhtunkhwa.

Il progetto deve affrontare alcune sfide in particolare: la sicurezza stradale, la resilienza climatica ed esigenze di genere per garantire ai guidatori di poter viaggiare in modo sicuro, agevole e confortevole. Altro obiettivo è quello di facilitare il transito regionale di beni e persone, sostenendo la ripresa economica del Paese dalla crisi pandemica in corso.

Quella approvata ieri da ADB è la seconda tranche di uno strumento pensato per fornire assistenza tecnica e finanziaria ai lavori di modernizzazione della N55 e per consolidare la capacità dell’Autorità Nazionale Autostradale del Pakistan (NHA). La prima tranche, del valore di 180 milioni di dollari, era stata approvata nel 2017 allo scopo di sostenere il miglioramento di tre sezioni, per un totale di 143 chilometri, nelle province del Sindh e del Khyber Pakhtunkhwa.



Articolo precedente

Singapore. Export non-oil cresce a luglio più del previsto, trainano pc e macchinari specializzati

Articolo successivo

Genova. Aggiudicate 4 gare d'appalto al Porto, a RINA Consulting il PMC della Diga foranea