SF&LmI 2022. Il long-covid economico tra inflazione industriale, scarsità e congestione


Torna anche quest’anno Shipping, Forwarding & Logistics meet Industry (SF&LmI), l’appuntamento annuale dedicato all’incontro tra il mondo della logistica, delle spedizioni e dei trasporti ed il mondo dell’economia produttiva italiana. L’evento, promosso da Confetra, ALSEA e The International Propeller Clubs, è in programma per il 9, 10 e 11 marzo prossimi e verrà trasmesso in live streaming da Milano. Come per la scorsa edizione, anche nella prossima Scenari Internazionali sarà media partner dell’evento, tenendovi costantemente aggiornati prima, durante e dopo il suo svolgimento.


A cura della Redazione


A due anni esatti dal primo lockdown in Italia, Shipping Forwarding&Logistics meet Industry esamina alcuni dei cambiamenti portati dalla pandemia al settore industriale e logistico, cercando di capire se alcuni fenomeni rappresentano una transizione o un cambiamento strutturale. Appuntamento il 9 marzo, presso il Centro Congressi Assolombarda, con la sessione Il long-covid economico, tra inflazione industriale, scarsità e congestione.

La sesta edizione di Shipping, Forwarding&Logistics meet Industry si tiene a due anni esatti dal primo lockdown in Italia, che può essere considerato l’avvio della pandemia nel nostro Paese. Ventiquattro mesi dopo la crisi, con le sue ondate e l’asimmetria degli effetti, segna chiaramente una discontinuità nello sviluppo economico mondiale e italiano.

Molti si sono esercitati a immaginare le conseguenze su economia e logistica. Alcune previsioni, come l’aumento delle consegne a domicilio, anche dopo la fase acuta si sono avverate. Altre, come l’aumento dell’automazione, stanno avvenendo lentamente anche se per motivazioni diverse da quelle prospettate. Non si tratta di ridurre l’interazione delle persone, ma di tentare di sostituire la manodopera che non si trova.

Altro fatto imprevisto è la crisi di fornitura nelle supply chain, con conseguenze scarsità di prodotti e aumento dei prezzi. In altri casi, la crisi pandemica ha portato all’esplosione di settori da tempo instabili come il sistema mondiale dello shipping. Quali di questi fenomeni resteranno anche nel medio periodo, passando da un long-covid economico ad un cambiamento strutturale, è quesito dibattuto.

Nella sessione dedicata interverranno esperti ed esponenti degli attori principali dell’economia produttiva e della logistica, che affronteranno alcuni dei temi-chiave. Si parlerà: di noli e congestioni marittime con Alessandro Panaro, Head of Maritime & Energy Department di SRM; di aumento del costo dell’energia con Roberto Bianchini, Partner di REF Ricerche; di effetti a breve e medio termine della crisi pandemica sull’economia italiana con Ciro Rapacciuolo, Senior Economist del Centro Studi Confindustria; di backshoring e reshoring con Francesco Stefanelli, M&A Professional di Deloitte M&A US, e Luciano Fratocchi, Docente presso l’Università degli Studi dell’Aquila.

E ancora, di andamento dello shipping non-containerizzato, scarsità di componenti elettronici e di carta di qualità ma anche da imballo. Verranno proposte alcune possibili soluzioni prospettiche, da parte, tra gli altri, di Alfredo Scalisi, Executive Director di Contship Italia, Vitantonio Altobello, Segretario Generale di AIRI (la ricerca industriale italiana), Roberto Alberti, Coordinatore della Commissione Internazionalizzazione di Confetra, Luca Sisto, Direttore Generale di Confitarma, e Marco Mastropasqua, Senior Counsel di BonelliErede.



Articolo precedente

Russia-Azerbaigian. Aliyev a Mosca per rafforzare i legami, firmata dichiarazione congiunta

Articolo successivo

SF&LmI 2022. Industria, commercio e logistica: il Nord-Ovest driver del Paese